Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale

Presentazione della seconda edizione del Master di I livello "Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale", promosso dal Laboratorio TiLT|Territori in Libera Transizione e dalle Università di Trento, Verona e Parma. Per il Centro di Cooperazione Internazionale interviene Sandra Endrizzi

Il 21 aprile si terrà il primo appuntamento del percorso che accompagnerà l’avvio della nuova edizione del Master di I livello "Saperi in Transizione. Strumenti e pratiche per una cittadinanza ecologica e globale".

→ per connettersi https://bit.ly/MasterSiT [passcode: SiT]

Saperi in Transizione rappresenta la proposta più avanzata in Italia - e tra le prime in Europa - di Master rivolto a chi è attivo nei territori, associazioni, pubbliche amministrazioni, imprese sociali, cooperative, aziende responsabili, consumo critico, economia solidale.

Per aprire percorsi di cambiamento – sostengono Marco Deriu (Università di Parma), Antonia De Vita (Università di Verona) e Francesca Forno (Università di Trento), co-direttori del Master – serve la mobilitazione delle comunità locali: altrimenti sarà difficile alzare l’asticella davanti alle istituzioni più ingessate e al greenwashing delle imprese tradizionali. Per riuscirci però occorre trasformare i saperi: le mentalità, le abitudini, i costumi”.

L’edizione di quest’anno sarà coordinata dall’Ateneo trentino e da un gruppo di lavoro che comprende, oltre a Francesca Forno, le studiose Chiara Bassetti, Anna Casaglia, Alice Dal Gobbo e Natalia Magnani.

Come nell’edizione curata dell’Università di Verona, il Master alternerà lezioni online a lezioni in presenza che si terranno presso Villa Sant’Ignazio, storica Cooperativa di solidarietà sociale nata a Trento nel 1978 con l’obiettivo di promuovere la crescita individuale, l’integrazione sociale tra gli individui e la realizzazione dei bisogni umani, con particolare attenzione ai soggetti socialmente svantaggiati.

Gli studenti e le studentesse durante il percorso proposto – che alternerà lezioni frontali, visite guidate e workshop – potranno incontrare i/le migliori docenti delle università italiane che si occupano di transizione eco-sociale e le più importanti esperienze di economie trasformative.

Il 21 aprile il Master si presenterà a tutti/e coloro che vorranno conoscerlo e accompagnarlo, frequentandolo o supportandolo. Una delle novità di questa nuova edizione sarà il crowdfunding che verrà ufficialmente lanciato il 1° maggio a “Fa’ La Cosa Giusta Milano”, dal laboratorio TiLT e dalla RIES. L’appuntamento è presso lo stand della rete di Smarketing. Obiettivo del crowdfunding è quello di predisporre delle borse di studio per gli/le studenti che vorranno frequentarlo. Il Master infatti non ha e non avrà “sponsorizzazioni”, perché sogna di diventare il primo Master “supportato dalla comunità”.

Come nella scorsa edizione, il corso sarà strutturato in 5 moduli:

  • Premesse epistemologiche della transizione ecologica
  • Educazione e formazione alla sostenibilità
  • Territori, istituzioni e comunità sostenibili
  • Lavoro, produzione e consumo verso nuovi modelli ecosociali
  • Progettare e rendere praticabile la transizione

L’apertura delle iscrizioni è prevista per la metà di luglio 2022. Maggiori informazioni si possono trovare alla pagina web del master https://www.tiltransition.eu/master-saperi-in-transizione/

Programma Provvisorio

Saluti e introduzione Francesca Forno (Università di Trento)

La prima edizione del master: breve bilancio Antonia De Vita (Università di Verona) 

Qualche spunto a partire da “Rigenerazione. Per una democrazia capace di futuro” (ed. Castelvecchi 2022): Marco Deriu (Università di Parma)

Struttura e organizzazione del master SiT: Francesco Vittori (Università di Verona) e Natalia Magnani (Università di Trento)

TAVOLA ROTONDA CON GLI STAKEHOLDER.

Quali profili professionali servono per la transizione eco-sociale? 

Coordina: Giorgio Gosetti (Università di Verona)

Intervengono, tra gli altri: Sandra Endrizzi (Centro per la Cooperazione Internazionale); Jason Nardi (RIES); Massimo Komatz (Villa Sant’Ignazio); Valeria Valotto (QUID Verona); Marco Geronimi Stoll (Smarketing); Paulo Lima (Ecosportello Trento); Paola Fontana (Comune di Trento); Marta Villa (Club per l’UNESCO-Trento); Enrico Radicchi (Slow Food Lombardia); Matteo Rossi (DESS Bergamo); Massimiliano Fontana (Altrimentuguale); Carlo Ridolfi (Rete di Cooperazione Educativa).. Saranno presenti anche alcuni docenti e studenti della prima edizione del master..

Presentazione del Crowdfunding: Francesca Forno e Jason Nardi (RIES)

Dopo il webinar… 

per i trentini l’appuntamento è al mercato di San Martino con la presentazione della CSA Naturalmente in Trentino

Dove: Via Torre d’Augusto n. 29 (piazzetta antistante al Caffè letterario Predara)

Riferimento: Bookique – Caffè letterario Predara