All'attacco della Fortezza Europa: politiche migratorie dal basso

L'approccio UE alla migrazione si basa su politiche fortemente governative e restrittive, impermeabili ai movimenti degli attori di base. Ma c'è ancora spazio per un cambiamento dal basso

Augusta (Sicilia), Migranti salvati dalla nave della ong Resq People, agosto 2021 © Alessio Tricani/Shutterstock

Augusta (Sicilia), Migranti salvati dalla nave della ong Resq People, agosto 2021 © Alessio Tricani/Shutterstock

(Originariamente pubblicato da Border Criminologies )

Pochi mesi fa, il tribunale di Palermo ha ordinato  il processo dell'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini per l'incidente  con la nave Open Arms del 2019, quando decise di bloccare lo sbarco dei migranti dalla nave dell'organizzazione della società civile con sede in Spagna Proactiva Open Arms. Questo procedimento giudiziario segue le accuse mosse dall'associazione spagnola. Nel procedimento penale sono state ammesse anche le città di Palermo e Barcellona, nonché diverse associazioni e organizzazioni.

Lo scorso gennaio, in un altro tribunale italiano, a Roma, è stato dichiarato  illegale il respingimento di un pakistano in Slovenia in violazione del suo diritto di chiedere asilo e vedere la sua domanda esaminata dalle autorità italiane. È quanto emerge dalla mozione presentata dall'Associazione Italiana Studi Giuridici sull'Immigrazione (ASGI) senza scopo di lucro, per conto dell'interessato.

Oltre alle conseguenze dirette per le persone coinvolte, che hanno cercato giustizia in tribunale, questi due casi sono esempi importanti di possibili modi per influenzare le politiche migratorie attraverso il sistema giudiziario, nella misura in cui possono avere ripercussioni a lungo termine sulla legittimità rispettivamente delle politiche di chiusura dei porti e respingimenti informali .

Il sistema giudiziario

Infatti, il contenzioso strategico  è diventato uno strumento interessante per ampliare la portata dei casi giudiziari nell'ambito della governance delle migrazioni, al fine di dichiarare illegittime alcune specifiche politiche e/o pratiche. Tra questi, il ricorso  alla Corte penale internazionale contro UE, Italia, Germania e Francia; la denuncia  contro Italia, Malta e Libia al Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite e vari procedimenti amministrativi  in Italia. Uno di questi, presentato da Sea-Watch, ha portato al rilascio  (solo provvisorio) di una nave dopo un blocco di sei mesi, ed è stato nel frattempo deferito  alla Corte di giustizia dell'Unione europea. ASGI ha inoltre lanciato un progetto  volto a promuovere il contenzioso strategico.

Queste iniziative sono curiosamente agli antipodi dei ben più noti casi di misure giudiziarie legate alla criminalizzazione delle pratiche umanitarie e della solidarietà. Queste sono ancora molto rilevanti e diffuse (come dimostra  il caso delle intercettazioni siciliane), sebbene le accuse finora non abbiano nemmeno portato ad un atto d'accusa.
Altri casi giurisdizionali negli ultimi anni sono andati nella stessa direzione strategica.
Gli esempi dall'UE e dai suoi Stati membri sono numerosi e hanno permesso di aiutare a fermare pratiche che violano chiaramente il diritto internazionale e dei diritti umani. Ciò sottolinea l'importanza della via giudiziaria per influenzare le politiche e le pratiche di governo per due ragioni connesse.

Continuità e governativizzazione delle politiche

In primo luogo, la forte continuità delle politiche migratorie in tutto lo spettro politico , che rende estremamente improbabile un cambiamento di politica sulla sola base di un cambiamento di governo o di maggioranza politica. La struttura della politica migratoria dell'UE spiega la continuità delle politiche, sebbene esistano alcune piccole differenze sostanziali e la comunicazione politica possa a volte divergere, anche in modo strategico, come nel caso della retorica  anti-traffico.

La continuità si fonda sull'approccio Schengen, che già nel 1990 prevedeva misure di controllo delle frontiere e politiche  migratorie più severe e le rendeva sistemiche. Le odierne politiche migratorie nell'UE hanno origine direttamente da lì e le dinamiche di dipendenza dal percorso connesse con il quadro politico  sviluppato prima del trattato di Lisbona (2009) hanno fortemente contribuito alla loro persistenza. In tempi recenti, il Nuovo patto sulla migrazione e l'asilo , presentato come profondamente innovativo  dalla presidente von der Leyen, ha presto iniziato ad attirare aspre critiche  per il suo mancato passaggio ad un approccio più aperto alla migrazione.

Il cambiamento di politica appare quindi possibile solo se attuato dall'intervento esterno di attori che ufficialmente non sono decisori. Questo elemento ci porta alla seconda questione: l'inaccessibilità del processo legislativo alle organizzazioni della società civile e ai movimenti sociali. Il processo decisionale è fortemente nelle mani degli organi esecutivi , che tendono a fare un uso crescente di strumenti politici eterodossi e controversi (come nel caso della dichiarazione UE-Turchia ), emarginando i parlamenti e cercando di evitare il controllo giudiziario . I governi e gli enti governativi sono in grado di plasmare i risultati delle politiche che limitano il controllo pubblico, adottando strategie  fumogene e ignorando deliberatamente le prove , quando ciò è ritenuto preferibile. Non sorprende, quindi, quanto siano stati limitati finora i risultati della società civile.

Oltre l'advocacy

L'advocacy è probabilmente l'esempio più chiaro di questi risultati così limitati. Nel corso degli anni, le organizzazioni della società civile, gli attivisti e gli attori non statali sono stati coinvolti  più in generale in dialoghi, consultazioni, attività di lobbying e altre attività volte a influenzare il processo politico nel settore della migrazione. Eppure, per lo più con un impatto molto limitato e senza alcuna prospettiva promettente, come nei casi di ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo, nella rotta balcanica e nei campi greci.
L'uso del contenzioso strategico come strumento per intervenire sulla (ri)definizione e attuazione delle politiche migratorie potrebbe alla fine essere un importante punto di svolta.

Andando ancora oltre, in questa prospettiva si possono esplorare anche almeno altre due strade.

Le azioni dirette sul campo, ad esempio, sono diventate un input per mettere in discussione le politiche e le pratiche esistenti, come nel caso delle attività di ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo e della loro ri-politicizzazione. Partendo da ciò, sarebbe importante sviluppare una riflessione critica sulle condizioni che possono rendere significative queste azioni anche al fine di influenzare direttamente il processo decisionale, tenendo presente, tuttavia, che il loro obiettivo primario è chiaramente quello di salvare vite umane.

Infine, in un'area politica in cui gli attori progressisti sembrano essere per lo più ininfluenti in termini di risultati politici, perché o non fanno parte di coalizioni di governo o non sono in grado di guidare il processo politico, un'altra questione richiede ulteriore attenzione. Vale a dire, se e come la creazione di una coalizione orientata alla politica di attori statali e non statali "emarginati" può essere fruttuosa, quali forme dovrebbe assumere, come potrebbe funzionare e su quali questioni sostanziali. In tal modo, è possibile prestare ulteriore attenzione alla situazione delle politiche migratorie a livello cittadino, dove i responsabili politici si impegnano sempre più a sfidare i quadri restrittivi dell'UE e nazionali. Includere le istituzioni locali in questo ragionamento verso una coalizione orientata alla politica potrebbe rafforzare ulteriormente il processo. Il progetto  “Dal mare alla città” può essere considerato un primo tentativo in questa direzione.

Pensieri per un cambiamento sistemico

Una riflessione sistemica per l'elaborazione di strategie per intervenire nel processo politico, contribuendo ad un rimodellamento strutturale della governance migratoria dell'UE, è un processo che coinvolge attivisti, ricercatori, giornalisti, politici e non solo: nelle loro diverse capacità e con una responsabilità condivisa. Dopo trent'anni di politiche migratorie e di confine restrittive, è più che mai cruciale riflettere criticamente su modi efficaci per (idealmente) demolire o (più realisticamente) cambiare il processo decisionale di securitizzazione che finora si è dimostrato impermeabile ai moti esterni.

Contenzioso strategico, advocacy, azioni dirette sul campo e coalizioni orientate alla politica sono tutte potenziali strade che possono rappresentare un punto di partenza per la promozione di politiche migratorie dal basso. In questo momento hanno bisogno di essere valutate criticamente, arricchite, testate, integrate e, se necessario, eventualmente superate.

L'autore

Federico Alagna (PhD Radboud University & Università di Bologna) è ricercatore post-doc presso la Scuola Normale Superiore. I suoi principali interessi di ricerca riguardano le politiche migratorie europee e italiane, con particolare attenzione ai processi dal basso e al ruolo svolto dagli attori della società civile nella definizione delle politiche.

Fonte originale: https://www.balcanicaucaso.org/Progetti/TraPoCo/News/All-attacco-della-Fortezza-Europa-politiche-migratorie-dal-basso-214044
Venerdì, 19 Novembre 2021

OBC Transeuropa

Notizie