Azerbaijan: il caso Huseynov

L'appello affinché siano rispettati i diritti umani del blogger azerbaijano Mehman Huseynov, in carcere da due anni e in sciopero della fame dallo scorso dicembre, ha scosso il mondo intero, ma non le istituzioni di Baku

Mehman Huseynov

Mehman Huseynov

Secondo l'infografica di Visualizing Impact sui graduali effetti fisiologici dello sciopero della fame, i morsi della fame e i dolori di stomaco scompaiono entro il terzo giorno. Entro il giorno 14, il corpo inizia a rompere il tessuto muscolare per sopravvivere. Poi arrivano vertigini, affaticamento, perdita dell'udito e infine la morte. Il blogger azero Mehman Huseynov è in sciopero della fame dal 26 dicembre scorso. Il dodicesimo giorno Huseynov ha iniziato a soffrire di gravi crampi allo stomaco. Di conseguenza, ha iniziato a bere acqua e a consumare latte e yogurt, ma continua a rifiutare l'assunzione di cibi solidi.

Lo sciopero della fame è legato alle nuove accuse aggiuntesi a quelle già sollevate, questa volta per "resistenza ad un rappresentante delle autorità, con l'uso di violenza pericolosa per la salute e la vita del rappresentante". Se giudicato colpevole, Huseynov dovrà scontare ulteriori 7 anni di carcere. Il rilascio del blogger era previsto per il prossimo marzo. In un recente incontro con il proprio avvocato, Huseynov ha detto che continuerà lo sciopero della fame proprio fino a marzo. "Questo è l'unico mezzo di lotta contro l'ingiustizia", ​​ha detto Huseynov al suo avvocato Shahla Humbatova.

La decisione di Huseynov, 26 anni, attivista dei media e blogger anti-corruzione, ha raccolto il sostegno di molti attivisti della società civile azerbaijana. Parlando a Radio Azadliq il 9 gennaio, l'ex prigioniero politico Tofig Yagublu ha dichiarato che, sotto lo slogan "Libertà per Mehman Huseynov e tutti i prigionieri politici", diversi membri dell'opposizione si sono uniti allo sciopero della fame e hanno continuato lo sciopero nel quartier generale del Musavat a Baku. Al momento ci sono sei membri dell'opposizione che continuano lo sciopero della fame insieme a Tofig Yagublu.

Il partito Musavat ha annunciato anche una manifestazione di sostegno, ma il 9 gennaio si è visto rifiutare l'autorizzazione da parte dell'ufficio amministrativo della città di Baku. Secondo Arif Hacili, leader del partito di opposizione, il partito contesterà questa decisione in tribunale, mentre nel frattempo deciderà come pianificare la manifestazione.

All'inizio di gennaio, un gruppo di attivisti ha organizzato nella capitale una manifestazione non autorizzata che ha portato all'arresto di cinque persone, condannate a multe e 20-25 giorni di detenzione amministrativa per violazione del codice degli illeciti amministrativi articolo 513.2 (organizzazione di proteste pubbliche). L'11 gennaio, cinque membri del Fronte popolare di Salyan sono stati arrestati in seguito ad un tentativo di organizzare una protesta a sostegno di Mehman. Due di loro, Alizamin Salayev e Tariyel Malikzade, sono stati condannati rispettivamente a 25 e 20 giorni di detenzione amministrativa. Altri hanno organizzato manifestazioni di sostegno a Berlino e Norimberga.

Prima del suo arresto nel marzo 2017, Huseynov raccoglieva storie sui problemi degli azerbaijani in contrasto con il lussuoso stile di vita dell'élite del paese, sulla corruzione e sulle disuguaglianze nel paese. È caporedattore della rivista socio-politica Sancaq TV (La spilla), attivo su Facebook, YouTube e Instagram. La sua recente campagna "Caccia agli ufficiali corrotti" documenta la corruzione negli alti ranghi del governo azerbaijano.

La risposta ufficiale

La prima reazione ufficiale è stata quella di negare che uno sciopero della fame fosse in atto, ma le critiche internazionali hanno costretto le autorità ad esporsi. Le autorità carcerarie hanno continuato per giorni a negare lo sciopero di Huseynov. La commissione per i diritti umani dell'Azerbaijan ha poi confermato lo sciopero, ma ha rilasciato una dichiarazione falsa dopo aver visitato Huseynov in carcere, dicendo che la salute del blogger era in ripresa e che era tornato ad assumere cibo e liquidi. Allo stesso modo, le autorità carcerarie hanno rilasciato false dichiarazioni in due differenti occasioni: prima un documento falsificante la firma di Huseynov che annunciava la fine dello sciopero, e più recentemente , l'11 gennaio, una lettera condivisa su alcuni siti di notizie online dove Huseynov affermava di essere in recupero dallo sciopero della fame e convinto della correttezza delle indagini contro di lui. Nella lettera falsa, Huseynov confutava anche le "false affermazioni" sul suo stato di salute.

Parlando ai media locali il giorno in cui è stata rilasciata la presunta dichiarazione di Huseynov, il suo avvocato Shahla Humbatova si è detta sorpresa, come gli altri sostenitori del blogger, poiché Huseynov non aveva nemmeno menzionato la dichiarazione durante il loro incontro, proprio il giorno prima. “Mi ha detto che stava solo bevendo latte e mangiando yogurt, e solo a causa dei crampi allo stomaco che aveva dal 30 dicembre, il quarto giorno del suo sciopero della fame. È determinato a continuare lo sciopero fino alla sua data di rilascio originaria", ha detto Humbatova ai media locali.

Le dichiarazioni rese da diversi funzionari governativi, tuttavia, non sono cambiate e rimangono ferme sulle prime versioni.

Leyla Abdullayeva, portavoce del ministero degli Esteri, ha respinto gli inviti del governo francese, esortandolo invece ad occuparsi dei "gilet gialli" e delle migliaia di persone detenute dall'inizio delle proteste. "L'Azerbaijan spera che i manifestanti detenuti in Francia vengano presto scagionati e rilasciati", ha dichiarato la portavoce il 10 gennaio scorso.

Il deputato Hikmat Babaoglu ha screditato la campagna semplicemente come un "polverone" lanciato da "reti anti-azerbaijane" il cui scopo è "screditare l'autorità internazionale del paese". Il deputato allude a Mehman come semplice strumento in questo gioco, quindi nessuna pressione potrà avere impatto sul governo dell'Azerbaijan, ha assicurato Babaoglu.

Il deputato Siyavush Novruzov, vice segretario esecutivo del partito Nuovo Azerbaijan, ha dichiarato a Trend il 7 gennaio che il blogger azero Mehman Huseynov non ha mai fatto giornalismo. Come Babaoglu, Novruzov ha detto che gruppi anti-azerbaijani e loro mecenati stranieri usano questo caso come un'opportunità per lanciare l'ennesima campagna anti-Azerbaijan. "Sappiamo chi c'è dietro questa campagna", ha detto a Trend. "L'obiettivo della campagna è di esercitare pressioni sull'Azerbaijan". Tuttavia, il parlamentare ha dimenticato di citare chiaramente le cosiddette menti dietro questa campagna "anti-Azerbaijan", lasciandolo all'immaginazione dei lettori.

"Persone come il blogger azerbaijano Mehman Huseynov sono glorificate da coloro che sono infastiditi dalla politica indipendente dell'Azerbaijan", ha dichiarato il parlamentare azerbaijano Sahib Aliyev in un'intervista del 9 gennaio. Aliyev ha anche detto che non solo non considera Huseynov un giornalista, ma che dubita della sua intelligenza. "In qualsiasi società e in Occidente, l'opinione pubblica viene solitamente creata da individui con carattere forte e intelligenza elevata, che hanno una ricca esperienza di vita e hanno fatto bene al proprio paese e ai propri concittadini. Tuttavia, circoli ben noti stanno cercando di glorificare individui di scarsa intelligenza, che non sono responsabili di ciò che dicono, e farne leader dell'opinione pubblica".

Dietro la campagna anti-Azerbaijan

Tra i cosiddetti gruppi anti-Azerbaijan, come i funzionari del governo li hanno descritti, ci sarebbero il Consiglio d'Europa , osservatori internazionali per i diritti umani come Human Rights Watch , Amnesty International , IFEX , Reporters Without Borders , PEN America e il senatore statunitense Marco Rubio . Tutti hanno chiesto il rilascio immediato e incondizionato di Mehman Huseynov e la rimozione di tutte le nuove accuse contro il blogger.

Secondo alcuni, potrebbe essere stato questo video a far finire Huseynov in prigione. Quando il presidente dell'Azerbaijan Ilham Aliyev ha nominato la first lady Mehriban Aliyeva primo vicepresidente, Huseynov si è posto la l'obiettivo di scoprire cosa pensava la gente chiedendo agli abitanti di Baku: "Immagina di essere il presidente di un'azienda, penseresti di nominare tua moglie amministratore delegato?". È stato arrestato il giorno successivo, il 3 marzo 2017.

Le possibilità di ottenere la giustizia che Huseynov ha cercato attraverso il suo lavoro di citizen journalist o attivista per i diritti umani, e ora dalla prigione con lo sciopero della fame, sono scarse.

Di tanto in tanto, tuttavia, ci sono notizie che risollevano le speranze. Il 10 gennaio, la Corte europea dei diritti umani si è pronunciata a favore di Khadija Ismayilova, principale reporter investigativa dell'Azerbaijan ed ex prigioniera politica. Nell'appello del 2014, Ismayilova sosteneva che le autorità azere fossero direttamente responsabili della collocazione di una macchina fotografica segreta nel suo appartamento oppure non avessero protetto il suo diritto alla privacy e alla libertà di espressione attraverso un'indagine completa e approfondita del caso. La Corte ha definito tali atti un "affronto alla dignità umana di Ismayilova" e che l'Azerbaijan deve pagare a Ismayilova 15.000 euro di danni e 1.750 per le spese legali. Commentando la sentenza ad Euronews, Ismayilova ha sottolineato che "il lavoro non è completo finché i colpevoli non saranno consegnati alla giustizia".

Per molti giornalisti, difensori dei diritti umani e attivisti in Azerbaijan è giunto il momento di fare giustizia. Riuscirà la richiesta di giustizia di un blogger attraverso lo sciopero della fame ad ottenere un passo avanti?

La cronologia dell'arresto di Huseynov

Il 9 gennaio 2017, Huseynov è stato detenuto e tenuto in isolamento durante la notte. Il giorno dopo è stato falsamente accusato di resistenza e condannato a pagare una multa di 200 AZN [poco più di 100 euro] in un'udienza a porte chiuse. Quando Mehman Huseynov ha parlato del trattamento disumano a cui è stato sottoposto durante la detenzione, il capo della polizia di Baku gli ha fatto causa per diffamazione. In base a questa accusa, Huseynov è stato arrestato in aula il 3 marzo 2017 e condannato a due anni di carcere.

Fonte originale: https://www.balcanicaucaso.org/aree/Azerbaijan/Azerbaijan-il-caso-Huseynov-192039
Martedì, 15 Gennaio 2019

OBC Transeuropa

Notizie