In Tunisia con il Comitato europeo delle Regioni e la rete Profadel per formare le autorità locali e le università libiche

Nell’ambito del progetto Nicosia Initiative, gestito dal Comitato europeo delle Regioni, prosegue la collaborazione del Centro per la Cooperazione Internazionale di Trento con la costruzione di un curricolo accademico che faciliti le università libiche nell’erogazione di attività formative a funzionari e amministratori delle municipalità libiche. Due operatori in partenza per l’incontro previsto in Tunisi

Il CCI di Trento a sostegno di autorità locali libiche

Dal 26 gennaio 2020 due operatori del Centro per la Cooperazione Internazionale (CCI) saranno in Tunisia per lavorare alla costruzione di un curricolo accademico che faciliti le università libiche nelle attività formative offerte a funzionari e amministratori di alcune municipalità in Libia coinvolte in un ampio progetto europeo.
Prosegue così la collaborazione di CSG - Competenze per la Società Globale – unità operativa del Centro – iniziata nel 2018 nell’ambito dell’Iniziativa di Nicosia, in qualità di partner di Profadel, rete internazionale di istituti di alta formazione.
L’Iniziativa di Nicosia è un progetto di cooperazione decentrata – che prevede la relazione tra territori europei e libici –  attivo dal 2016, promosso dal Comitato europeo delle Regioni e finanziato dalla Commissione Europea, rivolto a rafforzare le autorità locali e la società civile in Libia.
A questo proposito, importante ricordare che il territorio trentino, forte della sua cultura cooperativa e dell’esperienza di autogoverno, ha fatto della cooperazione decentrata un banco di prova della sua autonomia, dandole un forte slancio e contribuendo a sviluppare competenze nell’ambito dell’approccio territoriale allo sviluppo, nazionale e internazionale.
 
All'iniziativa partecipano numerose autorità locali europee, tra cui le regioni italiane Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna e di altri paesi tra i quali la Tunisia. Per parte libica aderiscono all’iniziativa otto municipalità: Tripoli, Gharyan, Zintan, Zliten, Sirte, Sebha, Benghazi e Tobruk. In questa cornice, il CSG supporta il miglioramento delle competenze degli amministratori di queste otto città per offrire servizi di qualità ai cittadini e dare occasioni di apertura internazionale ai territori.
Nei dieci giorni previsti nella capitale tunisina, il lavoro dei due operatori del Centro di Trento sarà svolto in stretta collaborazione con le università libiche, sulle quali ricade la supervisione dell’intero processo di formazione rivolto alle municipalità.
Accanto alle iniziative dibattute nella cornice della Conferenza di Berlino, è ancora più importante mantenere vive le relazioni “dal basso” con i territori libici. E’ ciò che proseguiranno a fare i soggetti della società civile e delle autorità locali di diverse città europee, costruendo relazioni di cooperazione e partenariato per uno sviluppo sostenibile in Libia attraverso, ad esempio: la costruzione di relazioni pacifiche fra giovani lavoratori e lo sviluppo dei settori economici propri del paese; il rafforzamento della capacità amministrativa oltre al miglioramento dei servizi pubblici, come la gestione delle acque, dei rifiuti e dell’assistenza sanitaria di base.

 Link alla pagina ufficiale della Nicosia Initiative: https://cor.europa.eu/en/our-work/Pages/Libya.aspx

Lunedì, 20 Gennaio 2020

Autore:

Stefano Rossi

Competenze per la società globale

Notizie