Kosovo: Osmani presidente, largo ai giovani

6 aprile 2021

bubble icon

Dopo Albin Kurti premier, Vjosa Osmani presidente. Con l'elezione in parlamento di domenica, attesa ma non scontata, la trasformazione generazionale della politica kosovara sembra portata ora a termine.

E non solo per la giovane età dei nuovi protagonisti della scena politica di Pristina (Kurti è nato nel 1975, la Osmani nel 1982), ma per l'approccio nuovo che l'attuale leadership kosovara promette di mettere in campo.

L'elezione della Osmani, quinta presidente del Kosovo, è arrivata solo alla terza votazione, dopo il tentativo dell'opposizione e dei rappresentanti della comunità serba di boicottare la procedura e portare il paese a nuove, ennesime elezioni anticipate.

Alla fine, a risultare decisiva è stata la collaborazione della Lega democratica del Kosovo (LDK) che, seppure con alcune defezioni, si è presentata in aula assicurando il numero legale.

Una decisione sofferta, visto che proprio la Lega, in cui la Osmani è cresciuta politicamente, l'aveva espulsa dopo la decisione della neo-presidente di non appoggiare il voltafaccia all'alleanza con Kurti e il suo movimento Vetëvendosje consumata nella precedente legislatura, anche a causa delle pressioni dell'amministrazione Trump vogliosa di strappare un accordo tra Pristina e Belgrado.

Una mossa rischiosa, che ha messo la Osmani al centro delle polemiche, ma che ora la ripaga rendendola protagonista della nuova stagione della politica kosovara.

Forse non è un caso che, alla guida del paese anagraficamente più giovane d'Europa, ci siano oggi politici giovani come Kurti e la Osmani. Meno scontato è che a ricoprire la carica di presidente sia una donna (la Jahjaga, in carica dal 2011 al 2016, di fatto era stata imposta dall'esterno) in una realtà dove tradizionalmente il potere è una questione maschile.

Non è detto che l'alleanza politica tra la Osmani e Kurti sia destinata a durare per sempre: i due vengono da background politici diversi e la politica spesso divide dopo aver unito in base a strategie e convenienze. Al momento, però, la visione sembra essere comune: mettersi definitivamente alle spalle il periodo post-bellico, e concentrarsi su economia e riforma delle istituzioni.

I negoziati con la Serbia, principale preoccupazione dei partner internazionali, non sono la priorità assoluta, almeno nelle intenzioni. Con tutta probabilità, però, la soluzione del rebus e il raggiungimento di un compromesso con Belgrado saranno la cartina di tornasole con cui anche questa nuova generazione di leader dovrà confrontarsi per dimostrare le proprie capacità e maturità politica.


blog comments powered by

Con il finanziamento di:

Con il contributo di:

Partecipano:

Provincia Autonoma di Trento
Comune di Trento
Comune di Rovereto
Fondazione Opera Campana Universita' di Trento
Forum Trentino per la Pace
OCED Better policies for better lives

Contattaci

CCI Centro per la Cooperazione Internazionale

Trento (TN) - Italia

(+39) 0461 1828600

info@cci.tn.it

2021 Centro per la Cooperazione Internazionale | P.IVA/ C.F: 02076540224 | PIC: 940811149 | PADOR ID: IT-2012-EXH-0405750064 | Chi siamo | Licenza |