Macedonia del nord e migranti, una storia di solidarietà

Migliaia di rifugiati e migranti, in questi anni, hanno attraversato la Macedonia del Nord verso il cuore dell'Ue. Molti di loro hanno ricevuto aiuto da Lence Zdravkin, che ha trasformato la sua casa a Veles in un'oasi di solidarietà e ristoro

Sulla rotta balcanica in Macedonia del Nord - © Kiro Popov/Shutterstock

Sulla rotta balcanica in Macedonia del Nord - © Kiro Popov/Shutterstock

Lence Zdravkin, una donna di 54 anni che vive nella città di Veles, è divenuta famosa per l'aiuto che presta da oltre otto anni ai rifugiati nel loro viaggio verso i paesi dell'Europa occidentale. Migliaia di rifugiati provenienti dall'Afghanistan, dalla Siria, dall'Iraq e da altri paesi, entrati in Macedonia del Nord dalla Grecia, continuano il loro viaggio seguendo la ferrovia, che sanno li condurrà fuori dal paese verso nord e verso la destinazione che sperano di raggiungere. La casa della famiglia Zdravkin si trova lungo la linea ferroviaria a Veles, ed è così che Lence ha iniziato a incontrare i rifugiati.

Veles si trova a 110 chilometri dal confine greco. I primi rifugiati sono passati per la città a inizio marzo 2013, e Lence ha iniziato a dare loro cibo e acqua. Queste persone avevano camminato per centinaia di chilometri, quindi erano affamate, esauste e con scarpe e vestiti strappati. Nelle sue numerose interviste ai media, Lence spiega che all'inizio si limitava a guardarli dal soggiorno. Inizialmente erano gruppi di 10, 20 o 50 persone, ma poi nel 2014, al culmine del transito sula rotta balcanica, centinaia di uomini, donne e bambini sono passate davanti alla ferrovia e alla sua casa.

“Abbiamo condiviso tutto”

"Ho dato loro acqua, tè, panini, pasti fatti in casa, abbiamo condiviso con loro tutto ciò che avevamo a casa. Ma quando hanno raggiunto le centinaia, non potevo comprare l'acqua, quindi riempivo le bottiglie dal rubinetto, facevo il pane e cose simili. Li aiutavo anche con bende e medicine. Ho persino smesso di lavorare alla televisione locale di mio marito. Molta gente a Veles ha capito il mio bisogno di aiutare, ma non tutti mi hanno sostenuta. Ma come puoi fare quando vedi un padre con tre figli che si muove appena? Oppure una nonna con dei nipoti? In quel momento per te niente è importante se non aiutarli, almeno con un pezzo di pane e un bicchiere d'acqua", spiega Lence, che ha donato anche vestiti ai migranti.

La famiglia ha adattato una struttura esterna alla loro casa per dare ad alcuni dei rifugiati un posto dove riposare e dormire. Secondo il racconto di Lence, molti bambini sono crollati per svegliarsi dopo 18 ore di sonno.

Dopo qualche tempo, la missione di Lence è divenuta nota in tutta la Macedonia, così sono arrivati nuovi aiuti. Persone e aziende hanno inviato vestiti, cibo, acqua, medicine, pannolini. Nel 2015, Lence ha anche iniziato a ricevere assistenza dall'UNHCR.

“Da allora per me è stato più facile aiutare i migranti. Ricordo che il primo grande aiuto dell'UNHCR furono due tonnellate di acqua e cibo, e se c'era un caso più difficile potevo chiedere l'intervento della loro squadra entro 24 ore. Il Banco Alimentare e molte altre organizzazioni sono state coinvolte e tutto è diventato più semplice", spiega Lence.

Una storia da film

Questa storia, oltre ad essere stata condivisa da molti media di tutto il mondo, è anche una potenziale sceneggiatura per un film. Lence dice di avere molte storie e ricordi dei propri incontri, dai neonati ad una donna siriana di 102 anni.

Da quando la rotta balcanica è stata chiusa nel marzo 2016, rifugiati e migranti hanno continuato a entrare illegalmente nel paese nel tentativo di raggiungere l'Europa. Sebbene siano in numero ridotto, nel 2021 ci sono ancora persone che attraversano la Macedonia del Nord verso la Germania, la Francia o altri paesi. Ci sono stati casi di migranti che hanno attraversato il confine con i trafficanti, quindi sono rimasti senza soldi e hanno dovuto continuare a piedi.

Alcuni hanno utilizzato i treni merci, per poi scendere in cerca di cibo se passavano in una città. A volte la polizia li ha riportati in Grecia, ma alcuni hanno attraversato il confine 10 o 15 volte per raggiungere i paesi nel cuore dell'Unione europea.

Tuttavia, ci sono stati anche momenti tragici in cui i migranti hanno perso la vita lungo la ferrovia. Nel 2015 ben 14 profughi sono morti sulla linea ferroviaria dove si erano fermati per riposare e dormire, e sono stati investiti da un treno in transito. Lence ha prestato il suo aiuto anche con i loro funerali: ora sono sepolti in una fossa comune a Rashtani, non lontano da Veles, dove sono state erette le loro lapidi, senza nomi né cognomi. Le famiglie l'hanno contattata nella speranza di trovare i corpi dei loro parenti morti attraverso i test del DNA.

“Sei parte della nostra famiglia”

A volte Lence riesce a mantenere vivi i contatti con alcuni dei migranti che ha aiutato quando raggiungono un determinato paese. La ringraziano e le inviano delle foto, per dimostrarle di aver raggiunto in sicurezza la meta desiderata.

“Mi hanno mostrato i loro profili Facebook, le foto: alcuni nel loro paese d'origine vivevano nel comfort, ma sono venuti qui affamati e scalzi. E non riesco a spiegare quanta gratitudine abbiano espresso per l'aiuto dato. Spesso dicono: sarai sempre nelle nostre preghiere e fai parte della nostra famiglia, ti ricorderemo sempre con affetto, ricorderemo la Macedonia con affetto", afferma Lence.

Per il suo lavoro umanitario, nel 2018 Lence ha ricevuto il premio "Madre Teresa", assegnato per risultati significativi nel campo della solidarietà, per la promozione della comprensione reciproca e lo sviluppo della cooperazione tra popoli e membri di diverse comunità, culture e religioni. È stata premiata nel parlamento di Skopje il 26 agosto, data di nascita di Teresa.

“Ho imparato una grande lezione dai profughi: che dobbiamo apprezzare ciò che abbiamo. Non litighiamo sui social, non diffondiamo odio. Non ho bisogno di avere dieci camicie o dieci paia di scarpe. Mi sono resa conto che vale la pena vivere per un piccolo bicchiere d'acqua. Alcune persone muoiono per questo".

Fonte originale: https://www.balcanicaucaso.org/aree/Macedonia-del-Nord/Macedonia-del-nord-e-migranti-una-storia-di-solidarieta-214772
Lunedì, 03 Gennaio 2022

OBC Transeuropa

Notizie