Migrare: cittadini russi verso l’Armenia

Nel tentativo di non subire le conseguenze dell’attacco in Ucraina, diverse aziende e cittadini russi si stanno spostando in Armenia

Souvenir esaltanti l'effige di Vladimir Putin su una bancarella a Yerevan, capitale dell'Armenia, nel 2017 - ©  Damian Pankowiec/Shutterstock

Souvenir esaltanti l'effige di Vladimir Putin su una bancarella a Yerevan, capitale dell'Armenia, nel 2017 - ©  Damian Pankowiec/Shutterstock

(Originariamente pubblicato da IWPR , l’8 marzo 2022)

Funzionari armeni riferiscono - a seguito dell’aggressione russa all’Ucraina - di un crescente interesse da parte dei cittadini russi per trasferirsi in Armenia. Sarebbe dovuto alle preoccupazioni destate dalle sanzioni occidentali, le quali condizioneranno presto la loro possibilità di lavorare e viaggiare.

Il ministro dell'Economia armeno Vahan Kerobyan ha annunciato che sulla scia dell'invasione del 24 febbraio "molte aziende [russe] hanno presentato domanda e circa una dozzina di aziende hanno già trasferito le loro attività in Armenia".

Kerobyan ha spiegato che la maggior parte di queste attività proveniva dal settore IT.

"Sono aziende direttamente collegate ai mercati occidentali e a causa delle attuali restrizioni non sono in grado di lavorare dal proprio paese", ha affermato, aggiungendo che il suo dipartimento ha istituito un gruppo di lavoro per sostenere il loro trasferimento.

Staff.am, la più grande piattaforma per l'occupazione armena, ha riferito di aver ricevuto negli ultimi giorni richieste di trasferimento da circa 300 persone e oltre 20 aziende. La maggior parte dei candidati proveniva dalla Russia e lavorava nel settore informatico.

"Sono pienamente consapevole delle conseguenze economiche che il mio paese dovrà affrontare". Lo sviluppatore informatico Ivan Grebenshchikov è tra coloro che hanno già lasciato la Russia per trasferirsi in Armenia.

"È passato [quasi] un anno da quando la Russia ha iniziato a schierare le sue truppe lungo il confine [dell'Ucraina]", sottolinea. "Seguiamo tutti gli sviluppi da dicembre e discutiamo attivamente di trasferirci in un altro paese da metà febbraio".

Temendo che le nuove sanzioni contro la Russia potessero includere divieti di viaggio per i suoi cittadini, Ivan e sua moglie sono partiti per l'Armenia il 1 marzo scorso.

"La situazione stava cambiando rapidamente, i voli verso molti paesi erano già stati vietati", racconta. “C'erano solo pochi paesi rimasti dove potevamo volare. E se avessero vietato di viaggiare anche in quei paesi, sarebbe stato un disastro, ci saremmo sentiti in trappola”.

Grebenshchikov sottolinea di essere contro la guerra in corso, spiegando: "È completamente sbagliata e non vale nessuna delle vite che [vengono] perse".

Prosegue poi dicendo che sia lui che sua moglie hanno continuato a lavorare a distanza e che l'esperienza in Armenia è stata finora positiva.

“Vivere in Armenia non è costoso, i prezzi sono quasi gli stessi della Russia. Quasi tutti parlano russo, le persone sono molto amichevoli. Gli armeni sono pronti ad aiutare anche senza chiedere. Inoltre, abbiamo buoni amici qui".

Anche Yulia, un nome di fantasia, si è trasferita in Armenia subito dopo l'invasione dell'Ucraina. Ha chiesto di rimanere anonima perché i suoi genitori anziani sono rimasti in Russia.

"Il mio paese ha iniziato una guerra, questo è il motivo per cui ho lasciato la Russia", dice. "Penso che sia stata una mossa sbagliata... Sono pienamente consapevole delle conseguenze economiche che il mio paese dovrà affrontare nei prossimi dieci anni".

Ha continuato a lavorare in remoto da Yerevan e non ha intenzione di tornare presto. “I miei genitori sono in pensione e penso che oggi il modo migliore per prendersi cura di loro sia lavorare e guadagnare in altri paesi, questo è stato il motivo principale per cui ho deciso di trasferirmi qui”, conclude.

L'Armenia è considerata un'opzione conveniente e pratica per il trasferimento, dato l'uso diffuso del russo e gli stretti legami tra i due paesi.

Le agenzie governative in Armenia e le aziende del settore privato stanno lavorando per rassicurare i potenziali nuovi arrivati ​​dalla Russia sulle preoccupazioni su questioni come il sistema bancario, il costo della vita, l'assistenza medica e le scuole di lingua russa per i loro figli.

Inoltre, sono stati creati numerosi gruppi su Facebook e Telegram per assistere coloro che sono interessati a trasferirsi in Armenia.

"Negli ultimi giorni, molti partner russi della nostra azienda hanno parlato di trasferirsi in Armenia", raccontaAnna Beklyarova, della società armena IT City. "Lo scelgono per diversi motivi: il settore informatico è ben sviluppato, le politiche bancarie e fiscali sono accettabili, è possibile lavorare da remoto e, infine, l'Armenia è un paese con una natura e persone meravigliose".

Ha aggiunto che una delle loro società partner si era già trasferita in quei giorni in Armenia insieme ai dipendenti e alle loro famiglie, le quali stavano alloggiando in un hotel di Yerevan fino a quando non avrebbero trovato una sistemazione e uno spazio per uffici adeguato.

Aziende come IT City stanno accogliendo con favore il potenziale afflusso di aziende e manodopera qualificata dalla Russia, sperando che ciò abbia un impatto positivo sullo sviluppo del settore.

Altri invece ritengono che il conflitto in corso sarà estremamente dannoso per l'economia armena. "Le conseguenze negative della guerra russo-ucraina e le sanzioni imposte alla Russia saranno più impattanti per l'Armenia dei possibili benefici", afferma Armen Ktoyan, esperto del National Center for Public Policy Research. Quest’ultimo fa notare che la maggior parte degli investimenti diretti in Armenia proviene dalla capitale russa e che il conflitto potrebbe influenzare anche le decisioni sugli investimenti esteri.

I problemi con l'economia russa hanno sempre avuto un chiaro effetto a catena per l'Armenia, continua Ktoyan. “La guerra influirà sul volume dei trasferimenti di rimesse in Armenia dai nostri concittadini che lavorano in Russia. L'importo diminuirà in modo significativo: stiamo parlando di 800-900 milioni di dollari USA. Ciò porterà a una diminuzione del potere d'acquisto della popolazione armena. Influirà anche sulle esportazioni dall'Armenia alla Russia, che è il nostro principale partner commerciale. La Russia è un importante mercato di esportazione per l'Armenia e con la svalutazione del rublo le merci armene diventeranno più costose in Russia e le merci importate dalla Russia diventeranno più economiche in Armenia. In entrambi i casi, i prodotti armeni diventeranno meno competitivi”.

Ktoyan afferma che molto dipende dalla durata del conflitto, nonché dalla sua eventuale risoluzione. "Ora tutti sono in uno stato di attesa: se la Russia resterà coinvolta in uno scontro militare più lungo, ciò comporterà situazioni completamente diverse", afferma. "Se nei prossimi giorni si troveranno soluzioni, l'elenco delle sanzioni potrebbe non essere ulteriormente ampliato o potrebbe non essere così doloroso come nel caso di un conflitto di lunga durata".

Tutti i nostri approfondimenti nel dossier "Ucraina: la guerra in Europa"

Fonte originale: https://www.balcanicaucaso.org/aree/Armenia/Migrare-cittadini-russi-verso-l-Armenia-216837
Venerdì, 18 Marzo 2022

OBC Transeuropa

Notizie