Misurare l'impatto del COVID-19 nelle diverse regioni d'Europa

25 giugno 2020

bubble icon

Da quando è iniziata la pandemia COVID-19, i tentativi di monitorarne l'impatto si sono scontrati coi grossi limiti dei dati disponibili: parziali, poco aggiornati, rilevati in modi diversi tra zone o periodi differenti.

Per questo, uno dei modi più affidabili per misurare l'impatto del coronavirus è osservare il numero delle morti in eccesso in un determinato territorio – confrontare cioè il numero complessivo delle morti registrate dall'inizio della pandemia a oggi con il numero delle morti che avvenivano negli anni precedenti nella stessa zona e nello stesso periodo dell'anno. Si rileva così, ad esempio, che nei primi mesi del 2020 i decessi avvenuti nella provincia di Bergamo sono stati oltre tre volte superiori a quelli che venivano normalmente registrati: è lecito ipotizzare che questa differenza sia in gran parte dovuta all'impatto del COVID-19.

Per stimare l'effetto della pandemia, Newsworthy – un partner dello European Data Journalism Network (EDJNet), la rete europea per il giornalismo di dati creata e coordinata da OBC Transeuropa – ha raccolto i dati sulle morti in eccesso avvenute negli scorsi mesi . I confronti nazionali spesso dicono poco, dato che la diffusione del virus è variata molto da territorio a territorio: per questo, Newsworthy ha raccolto i dati a livello locale. A seconda della disponibilità dei dati, la scala dell'analisi svolta va dal livello provinciale a quello macro-regionale (in gergo tecnico, ci si riferisce quasi ovunque alle regioni NUTS2 e NUTS3).

Ne è uscito uno studio che copre 500 regioni in venti paesi europei, e che fornisce un quadro inedito sull'effetto del COVID-19 sulla mortalità in Europa. Rimangono purtroppo esclusi molti paesi dell'Europa centro-orientale, per cui non sono attualmente disponibili i dati su scala regionale.

mappa delle morti in eccesso in Europa

 

L'analisi mostra che, nei territori considerati, il numero di morti in eccesso a partire da marzo 2020 supera i 200.000. Tuttavia, quasi la metà di questi decessi si è concentrata solamente in una cinquantina di regioni. Al contrario, in circa 200 regioni d'Europa il numero di morti registrate negli scorsi mesi è in linea con quello degli anni precedenti, o addirittura inferiore. La Lombardia si conferma la regione dove il COVID-19 ha infierito più duramente: dei 12 territori europei che questa primavera hanno visto un numero di decessi almeno doppio rispetto al normale 7 sono province lombarde, con Bergamo , Cremona e Lodi in cima alla classifica europea.

Newsworthy mette liberamente a disposizione dei report per ciascuna regione presa in considerazione, nonché il dataset che raccoglie tutti i dati


blog comments powered by

Con il finanziamento di:

Con il contributo di:

Partecipano:

Provincia Autonoma di Trento
Comune di Trento
Comune di Rovereto
Fondazione Opera Campana Universita' di Trento
Forum Trentino per la Pace
OCED Better policies for better lives

Contattaci

CCI Centro per la Cooperazione Internazionale

Trento (TN) - Italia

(+39) 0461 1828600

info@cci.tn.it

2020 Centro per la Cooperazione Internazionale | Chi siamo | Licenza |