Richard Grenell, il distruttore creativo

Annunci non corroborati da dati reali, azzardi diplomatici, pressioni, aggressività. Un approfondimento su Richard Grenell, diplomatico Usa al centro del recente accordo Kosovo-Serbia sponsorizzato da Trump

Richard Grenell (© photocosmos1/Shutterstock)

Richard Grenell (© photocosmos1/Shutterstock)

(Pubblicato originariamente da Kosovo 2.0 il 29 settembre 2020)

Quasi tutti in Kosovo hanno sentito parlare di Richard Grenell.

Ex ambasciatore degli Stati Uniti in Germania, ex direttore ad interim dell'intelligence, inviato speciale del presidente per il dialogo Kosovo-Serbia: a Grenell è stata attribuita la caduta del governo di Albin Kurti, a 52 giorni di mandato e nel mezzo del lockdown, ma lui nega con veemenza.

Nell'ultimo anno Grenell è diventato il punto focale della politica statunitense in Kosovo. Si è opposto fermamente al dazio commerciale del 100% sui beni serbi minacciando il Kosovo di ritirare il sostegno degli Stati Uniti, compreso quello militare. La sua antipatia per il processo di dialogo guidato dall'UE tra Kosovo e Serbia ha creato un solco tra gli Stati Uniti e il tradizionale alleato e il caos nell'alleanza transatlantica.

In quello che potrebbe rivelarsi uno dei suoi ultimi atti nella regione, Grenell è stato inoltre l'artefice del recente incontro alla Casa Bianca tra il primo ministro del Kosovo Avdullah Hoti e il presidente serbo Aleksandar Vučić. L'incontro è stato il culmine di un anno ricco di eventi, in vista delle prossime elezioni presidenziali statunitensi a novembre.

Per essere una figura che ha avuto un tale impatto sulla politica del Kosovo, in pochi in Kosovo sanno molto di lui e chi fosse prima di diventare improvvisamente una voce di spicco nella regione all'inizio dello scorso anno. Abbiamo deciso di scoprirlo.

Per realizzare questo approfondimento abbiamo intervistato giornalisti e politici. Grenell non ha accettato di rilasciare un'intervista a K2.0.

Anche molti altri con cui abbiamo parlato non hanno voluto rilasciare dichiarazioni ufficiali su di lui. Quindi abbiamo costruito questo profilo attraverso le parole dello stesso Grenell, le testimonianze del Congresso e le interviste con alcuni di coloro che hanno lavorato con lui in passato.

Il background

Non c'è niente di straordinario nel background di Ric Grenell, come è conosciuto tra colleghi e amici. I suoi genitori erano missionari per una setta cristiana evangelica chiamata Chiesa di Dio. È cresciuto a Jenison, Michigan, una città del Midwest bianca al 95% in una contea prevalentemente repubblicana. La maggior parte degli americani non ne avrà mai sentito parlare.

Si è laureato alla Jenison High School nel 1984 e poi ha frequentato l'Evangel College, un'istituzione religiosa cristiana evangelica a Springfield, Missouri. Dopo aver conseguito la laurea in Amministrazione pubblica ha continuato con un percorso post-laurea nello stesso indirizzo ad Harvard.

Ora cinquantaquattrenne, Grenell ha iniziato la sua carriera come consulente alla comunicazione per vari politici repubblicani e come addetto stampa per il senatore Mark Sanford della Carolina del Sud. Tra i suoi clienti un ex sindaco di San Diego in California, un membro del Congresso del Michigan e un ex governatore dello Stato di New York. Nessuno ha voluto parlare di lui.

In seguito ha fondato e gestito una società di consulenza sui media, Capitol Media Partners, che lavorava per svariati politici e celebrità.

Lungo la strada della sua vita lo troviamo nella campagna elettorale fallita per le primarie di John McCain nel 2000, e in seguito come portavoce per la politica estera della campagna presidenziale fallita di Mitt Romney nel 2012.

Meno di due settimane dopo essere stato assunto da Romney, tuttavia, è stato costretto a lasciare il ruolo, suscitando qualche dibattito all'interno del Partito Repubblicano, probabilmente perché era il primo uomo apertamente omosessuale ad occupare la posizione di portavoce, o qualsiasi posizione di rilievo, in una campagna repubblicana.

Era opinione diffusa che i conservatori dell'epoca non avrebbero sostenuto un uomo gay in un ruolo di primo piano nella campagna, e il suo breve periodo nella campagna di Romney ha attirato una tempesta di attacchi personali. Un importante scrittore repubblicano di destra insinuò che non ci si poteva fidare di Grenell a causa della sua sessualità, scrivendo:

“Supponiamo che Barack Obama si dichiari – come Grenell desidera – a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso nel suo discorso di accettazione alla Convenzione Nazionale Democratica. Quanto velocemente e quanto pubblicamente Richard Grenell passerà da Romney a Obama?".

È una combinazione insolita, anche negli Stati Uniti, che un repubblicano conservatore come Grenell sia apertamente gay e si professi evangelico.

Grenell è schietto a riguardo della sua fede sul suo forum preferito, Twitter, dove nella sua biografia si dichiara un "seguace imperfetto di Cristo". Ad esempio, ecco un recente post sul COVID-19: “Il Coronavirus ha causato un risveglio spirituale. Lo sento da amici e persone in tutto il mondo. Lo sento. Dio si sta muovendo”.

Ma i commenti online di Grenell, spesso denigratori e offensivi, in particolare verso le donne oltre che importanti giornalisti, gli hanno causato problemi in passato, al punto che quando è stato nominato per la campagna di Romney ha cancellato oltre 800 post dal suo account Twitter e dal suo sito web personale.

A quel tempo si scusò per qualsiasi danno causato dai suoi tweet, dicendo che volevano essere "ironici e divertenti", ma si rendeva ora conto di "come potessero essere anche offensivi".

Grenell è stato un fedele membro del partito per molti anni, portavoce di importanti repubblicani nell'amministrazione Bush come gli ex ambasciatori statunitensi all'ONU John Bolton, John Negroponte, John C. Danforth e Zalmay Khalilzad. Nessuno dei suoi ex ambasciatori ha voluto parlare con noi.

Tra i giornalisti con cui lavorava all'epoca, la sua reputazione era generalmente scarsa. Molti giornalisti lo odiavano e alcuni addirittura si rifiutavano di lavorare con lui. Diversi corrispondenti non si fidavano di lui, e si dice che spesso urlasse loro contro, soprattutto se non erano americani.

Irwin Arieff, veterano reporter della Reuters che ha coperto le Nazioni Unite per 20 anni, ha dichiarato all'Huffington Post nel 2012 che Grenell era "l'addetto stampa più disonesto e ingannevole con cui abbia mai lavorato".

"Mentiva spesso, ancora più spesso dava mezze risposte o nascondeva informazioni che avrebbero indebolito la sua posizione o messo in cattiva luce il suo punto di vista ideologico", ha dichiarato.

Arieff ha detto che Grenell “chiamava spesso i miei superiori, o li faceva chiamare dall'Ambasciatore Bolton, per lamentarsi degli articoli, anche se non c'erano errori, ma semplicemente non si adattavano alle opinioni politiche sue e/o di Bolton".

Il giornalista ha proseguito affermando che Grenell “era soprattutto un ideologo conservatore, che faceva di tutto per distorcere la copertura della stampa della Missione degli Stati Uniti alle Nazioni Unite per assecondare la linea politica sua e dell'ambasciatore Bolton".

La reputazione di Grenell di ostilità e aggressività verso i media è confermata dalle accuse che gli vengono rivolte di "tormentare e molestare" i giornalisti, in particolare quelli che riportano notizie non in linea con il suo punto di vista. Di conseguenza, tende prevalentemente a parlare con i giornalisti di testate di destra.

Il lealista

Richard Grenell è apparso presto nella corsa presidenziale del 2016 al fianco di Donald Trump. Il successo di Trump ha ribaltato il partito repubblicano, portandolo ulteriormente a destra ed emarginando allo stesso tempo molte colonne del partito come Mitt Romney.

Grenell fu presto nominato ambasciatore in Germania, il più importante alleato degli Stati Uniti in Europa. Aveva poche esperienze precedenti in diplomazia o negli affari internazionali, a parte il ruolo di portavoce degli ambasciatori delle Nazioni Unite e il tentativo fallito di fare il portavoce di Romney.

Grenell non ha mai cercato di difendere la propria inesperienza, tentando invece di presentarsi (in linea con l'amministrazione che ora serve) come un "outsider" che non fa parte dell'élite politica di Washington DC. Ma i critici, tra cui l'ex ambasciatore in Kosovo Greg Delawie, hanno affermato che rappresentanti politici di parte come Grenell "danneggiano gli interessi degli Stati Uniti piuttosto che promuoverli".

Non è stata l'ultima volta che Grenell ha trovato un lavoro nell'amministrazione Trump pur apparendo decisamente sottoqualificato.

Quando, nel febbraio 2020, è stato annunciato che avrebbe assunto il ruolo di direttore ad interim dell'intelligence nazionale, Susan Rice (consigliere per la sicurezza nazionale tra il 2013 e il 2017, dopo quattro anni come ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite) lo ha definito "un dilettante e una frode" e "una delle persone più maligne e disoneste che abbia mai incontrato". Ha continuato dicendo che non aveva preparazione e nessuna conoscenza del ruolo, ed era stato scelto per trasformare la comunità dell'intelligence "in uno strumento per la rielezione del presidente".

Con poca esperienza pertinente a cui attingere, Grenell si è piuttosto fatto un nome su Twitter e come opinionista di riferimento della stazione televisiva di destra Fox News, dove la sua feroce difesa di Trump e del partito repubblicano ha contribuito a fargli guadagnare un posto nell'amministrazione Usa.

La nomina ad ambasciatore ha reso Grenell il funzionario di più alto grado apertamente omosessuale nell'amministrazione Trump. Tuttavia, la conferma della sua nomina è stata tenuta in sospeso dai Democratici a causa delle affermazioni misogine fatte su Twitter nei confronti di Hilary Clinton, della deputata statunitense Nancy Pelosi, oltre che di diverse donne di spicco della politica e dei media.

All'epoca, il senatore democratico Chris Murphy si disse preoccupato che Grenell avesse "una storia significativa di dichiarazioni online misogine e incendiarie" e che un ambasciatore con una reputazione di misoginia non avrebbe rappresentato bene gli Stati Uniti nel paese guidato dalla donna più potente del mondo.

Poiché i repubblicani controllano il Senato, la nomina di Grenell è stata alla fine promossa con 56 voti contro 42.

A Berlino

Nella sua dichiarazione di apertura alla Commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti, durante la sua audizione di conferma ad ambasciatore in Germania, Grenell aveva detto: “Se confermato, cercherò di approfondire e rafforzare il rapporto storico tra Washington e Berlino. Le nostre due grandi nazioni condividono un legame indissolubile e non vedo l'ora di rafforzare questi legami difendendo i valori di diversità, trasparenza ed equità".

Le cose non sono andate proprio così.

Martin Knobbe è il caporedattore di Berlino di Der Spiegel, l'influente rivista tedesca che ha milioni di lettori mensili in tutto il mondo, e aveva già incontrato Grenell a Washington mentre seguiva la campagna di Romney per la rivista Stern.

Knobbe ricorda che quando Grenell è arrivato in Germania, nella primavera del 2018, ha immediatamente esplicitato che la sua massima priorità come ambasciatore sarebbe stata discutere con il nuovo paese ospite l'importo del contributo al bilancio della NATO. "Questo è stato piuttosto interessante, perché non mi ricordo di nessun [nuovo] diplomatico che avesse un'agenda così precisa in mente", ha dichiarato Knobbe.

Poco dopo l'arrivo a Berlino Grenell ha tenuto una festa di benvenuto, invitando diversi giornalisti e influencer locali. Due persone che erano presenti hanno detto a K2.0 che non è stato il tipico pranzo diplomatico. Grenell avrebbe fatto commenti provocatori ai giornalisti invitati per fare colpo, tentando di presentarsi come un nuovo tipo di diplomatico determinato a scuotere gli europei.

"Penso che sia stato il giorno stesso o il giorno dopo l'atterraggio che ha fatto il tweet su Iran e Germania", ricorda Knobbe.

Trump aveva deciso unilateralmente di ritirarsi da un accordo che l'amministrazione Obama aveva aiutato a negoziare con l'Iran e che era stato firmato anche dall'UE. In base all'accordo, l'Iran aveva accettato di ridurre le proprie armi nucleari in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Quando l'amministrazione Trump ha stracciato l'accordo, le sanzioni statunitensi sono state ripristinate, con rammarico dell'UE.

Grenell ha twittato che le aziende tedesche non avrebbero più dovuto commerciare con l'Iran perché gli Stati Uniti avevano reimposto in modo unilaterale le sanzioni.

"Quel tweet è stato l'inizio giusto perché ha davvero caratterizzato il modo in cui si è rapportato con la politica tedesca qui in Germania", ha detto Knobbe. "Non in modo diplomatico, ma in modo duro e rude".

Gli ambasciatori in generale non commentano apertamente le questioni interne dello stato di destinazione, ma Grenell faceva prediche ai tedeschi su tutto, dall'aumento del budget militare alla richiesta di non utilizzare una società cinese per installare la rete 5G, e sosteneva apertamente i conservatori tedeschi ed europei.

All'ex ambasciatore britannico negli Stati Uniti Kim Darroch, che è stato costretto a lasciare la carica dopo che Trump lo ha pubblicamente insultato su Twitter, è stato recentemente chiesto se pensava che sarebbe stato meglio essere un diplomatico "incendiario" come Grenell. "Non saprei, onestamente", ha risposto. "Si creerebbe una sorta di cacofonia nella maggior parte dei paesi se gli ambasciatori si comportassero così".

Anche durante l'udienza di nomina di Grenell, l'ex senatore Peter Hoekstra del Michigan (che era stato candidato per diventare ambasciatore nei Paesi Bassi nello stesso periodo e ha avuto i suoi problemi nel distinguere politica e diplomazia) ha sollevato la necessità di riconoscere che "la politica si ferma in riva all'acqua". Significa che all'estero gli americani presentano un fronte unito nonostante le differenze politiche e non promuovono particolari ideologie politiche.

"I politici tedeschi erano molto irritati e arrabbiati per il suo approccio nel porre argomenti ed entrare nelle discussioni e il suo modo di fare era sempre ammonitore e minaccioso", ha detto Knobbe.

Questo comportamento è continuato al punto che persino gli americanofili, il centrodestra e il governo tedesco hanno perso fiducia in lui. Come ha detto un noto giornalista tedesco a K2.0 a maggio, "deve sentirsi solo qui perché ha solo amici all'estrema destra".

Questo punto è emerso sempre più spesso durante il suo mandato: anche Knobbe ha detto che l'americano aveva "solo pochi amici ed era molto conservatore".

"Ovviamente ha fatto molti incontri, ma sappiamo da alcuni politici che non li ha mai incontrati", ha sottolineato Knobbe. “Riteneva Twitter un modo del tutto sufficiente per comunicare, quindi alcuni sono rimasti delusi. E poi vi era il fatto che non era qui fisicamente, perché era sempre a Washington. Non lo interessavamo più".

Grenell aveva però trovato un buon amico in Jens Spahn, giovane e ambizioso ministro conservatore della Salute (il cui ufficio non ha risposto alla richiesta di intervista di K2.0), ed era un convinto sostenitore di Sebastian Kurz, il cancelliere austriaco di destra, che ha definito una "rock star", dichiarando che il suo scopo era quello di "rafforzare i conservatori europei".

Passando alla Russia, uno dei grandi temi che ha ripetutamente perseguitato l'amministrazione Trump, Grenell ha spesso affermato che non ci si deve fidare di Putin, e si è espresso contro il gasdotto russo Nordstrom che dovrebbe attraversare i Paesi baltici fino alla Germania assicurando il fabbisogno energetico dell'Europa.

Grenell ha affermato che anche Trump era anti-Putin, ma poi è stato smentito dal comportamento di Trump quando il presidente ha incontrato Putin, lo ha elogiato pubblicamente e ha smentito i servizi segreti statunitensi quando hanno parlato di interferenza russa nelle elezioni statunitensi.

Fermo promotore dei diritti omosessuali, Grenell sostiene a parole la campagna di depenalizzazione dell'omosessualità a livello globale e ha definito Trump il presidente americano più pro-gay della storia, nonostante gli sforzi dell'amministrazione per tornare indietro sui diritti LGBTQ+. Ad una domanda sulla campagna di depenalizzazione, Trump sembrava non saperne nulla.

Dopo soli 23 mesi, nel giugno 2020, Grenell si è dimesso da ambasciatore per tornare negli Stati Uniti in vista delle elezioni presidenziali. Deutsche Welle ha riportato la notizia dicendo che era diventato rapidamente "famigerato" per il suo "stile diplomatico bellicoso, critico e a volte non cooperativo".

L'inviato

Il 4 ottobre 2019, mentre era ancora ambasciatore degli Stati Uniti in Germania, Grenell è stato nominato inviato speciale presidenziale per il dialogo Kosovo-Serbia, una posizione di recente creazione a cui avrebbe aspirato. Due giorni dopo la nomina di Grenell, Vetëvendosje di Albin Kurti ha vinto le elezioni parlamentari in Kosovo. Sono seguiti mesi di negoziato dei vincitori con la Lega democratica del Kosovo (LDK) per creare una coalizione.

Ad agosto Matthew A. Palmer, un noto diplomatico del Servizio Esteri con esperienza nei Balcani, era stato nominato inviato speciale del Dipartimento di Stato nei Balcani occidentali.

Palmer ha dichiarato in una propria testimonianza al Senato che la differenza tra lui e Grenell era che il suo mandato "copriva tutti i Balcani occidentali". Ha anche detto di aver accolto con favore la nomina di Grenell perché questo avrebbe dimostrato ai kosovari e ai serbi "che gli americani erano seri e stavano investendo risorse sulla questione".

Tuttavia, la nomina è stata accolta con perplessità da alcuni legislatori statunitensi: come poteva un ambasciatore in Germania, con un ruolo chiave da svolgere nel mantenere le relazioni con un partner europeo e NATO così importante, avere il tempo di assumere un ulteriore incarico, oltretutto complesso come la questione Kosovo-Serbia?

La maggior parte dei kosovari si è accorta per la prima volta della nomina di Grenell a gennaio, quando ha annunciato con grande clamore un accordo per la creazione della tratta aerea Pristina-Belgrado con il governo uscente guidato da Ramush Haradinaj. Alcune settimane dopo ha presieduto un'altra cerimonia di firma, questa volta con i presidenti Thaçi e Vučić, annunciando che il Kosovo e la Serbia avevano stretto nuovi accordi sullo sviluppo dei collegamenti ferroviari e stradali.

Mancavano i dettagli dell'autoproclamata storia di successo, e ci sono voluti altri due mesi di ripetute richieste da parte dei giornalisti del portale BIRN perché alla fine riuscissero a renderli noti e pubblicarli.

I cosiddetti accordi si sono rivelati semplici "dichiarazioni di intenti" provvisorie firmate da funzionari kosovari di basso livello, e nel caso dell'accordo di volo erano utilizzate le iniziali "LH" per la compagnia aerea tedesca Lufthansa.

K2.0 ha contattato Eurowings, la controllata di Lufthansa che avrebbe implementato il programma, chiedendo ulteriori informazioni: la risposta è stata che i dettagli devono ancora essere concordati.

“Abbiamo concordato in linea di principio di gestire questo collegamento tra Belgrado e Pristina. Tuttavia, rimangono molte questioni commerciali, organizzative e legali che devono essere coordinate e chiarite nelle fasi successive”, ha risposto Eurowings via e-mail il 22 giugno.

"Questo è anche il motivo per cui non possiamo rispondere a tutte le domande in modo definitivo in questo momento, inclusi piani concreti come il programma, la data di lancio, le frequenze ecc.. Inoltre, la pandemia ha ovviamente rallentato tutte le attività".

L'amore di Grenell per le grandi dichiarazioni, non necessariamente sostenute dalla sostanza, ha spesso causato frustrazione nei funzionari UE.

“Annunciare è una cosa, realizzare un'altra", ha risposto Viola von Cramon, la relatrice del Parlamento europeo per il Kosovo, alla domanda di K2.0 sull'approccio di Grenell e dell'amministrazione Trump al dialogo Kosovo-Serbia.

Nel frattempo, Grenell ha continuato a praticare quella che può essere descritta solo come diplomazia dei social media, facendo la maggior parte degli annunci e delle dichiarazioni tramite Twitter.

Quando il governo Kurti è entrato in carica all'inizio di febbraio, Grenell ha raddoppiato le pressioni sul Kosovo per rimuovere immediatamente i dazi di importazione del 100% sui prodotti provenienti dalla Serbia, introdotti a novembre 2018 dal governo Haradinaj in reazione alla campagna di de-riconoscimento della Serbia contro il Kosovo. La politica dei dazi aveva portato la Serbia a ritirarsi dal dialogo agevolato dall'UE lo stesso mese e sembravano poche le possibilità che tornasse ad un tavolo negoziale con i dazi ancora in vigore.

Quando Kurti è rimasto fermo nella sua promessa elettorale di introdurre "misure commerciali reciproche" con la Serbia Grenell, insieme a Trump, ha minacciato di rimuovere le truppe statunitensi dal Kosovo in tweet ampiamente condivisi.

Gli Stati Uniti hanno anche bloccato i finanziamenti della Millenium Challenge Corporation (MCC), un progetto del Dipartimento di Stato americano per stimolare progetti di sviluppo economico in stati in via di sviluppo. Nonostante Grenell avesse già promesso al Kosovo finanziamenti per decine di milioni di dollari annunciando che sarebbero stati aumentati a oltre 120 milioni di dollari (oltre 101 milioni di euro) nei prossimi anni.

Il 13 marzo MCC ha rilasciato questa dichiarazione: "La posizione degli Stati Uniti riguardo ai dazi del Kosovo alle merci dalla Serbia è chiara. L'abolizione migliorerà l'economia del Kosovo e contribuirà a ridurre la povertà attraverso la crescita economica. Fino a quando la questione dazi non sarà risolta, MCC sospenderà l'attuazione del programma di soglia e lo sviluppo del programma compatto proposto in Kosovo".

I senatori democratici della Commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti hanno presentato un'interrogazione ad aprile sul motivo per cui il Dipartimento di Stato avrebbe sospeso il programma MCC in Kosovo, ma al momento non è disponibile alcuna risposta pubblica.

La crescente pressione sul nuovo governo del Kosovo ha evidenziato le divisioni tra la politica estera degli Stati Uniti e dell'UE: gli europei lodavano il "primo passo" fatto da Kurti per la graduale rimozione dei dazi che "avrebbe potuto avere un effetto positivo", mentre Grenell continuava gli attacchi verbali bollando la mossa come una "mezza misura" e un "grave errore".

Gran parte della retorica politica all'interno del Kosovo era monopolizzata dalla crescente divisione tra "filoamericani" e "antiamericani", e Vetëvendosje era preso di mira per il rifiuto di piegarsi alle pressioni statunitensi.

La questione è stata infine riportata dal partito di minoranza della coalizione LDK, che ha sempre sottolineato la propria stretta subordinazione agli Stati Uniti, come motivo per il voto di sfiducia che a marzo avrebbe fatto cadere il governo dopo soli 52 giorni di vita.

Kurti ha successivamente tenuto una conferenza stampa con alcuni giornalisti selezionati in cui ha affermato che Grenell aveva cospirato con Thaçi e Vučić su un accordo di scambio di territori molto controverso e che era stato strettamente coinvolto nel presunto "colpo di stato" che ha posto fine al governo guidato da Vetëvendosje. L'inviato speciale ha negato fermamente, dicendo che Kurti si era semplicemente rifiutato di seguire la politica degli Stati Uniti e quindi non avrebbe dovuto aspettarsi il sostegno degli Stati Uniti.

Il presidente uscente della Commissione per le relazioni estere del Congresso, Elliot Engel, nel frattempo ha rilasciato una dichiarazione di condanna sul ruolo dell'amministrazione Trump nella crisi politica, affermando che "forzare una piccola democrazia è un atto di bullismo" e chiedendosi perché la pressione fosse stata unilateralmente applicata sul Kosovo.

Potere e influenza

La pressione pesante e unilaterale esercitata da Grenell è stata particolarmente sorprendente dato che il Kosovo stesso è orgoglioso della propria lealtà agli Stati Uniti. Grenell ha cercato di usare questa positività come un cuneo tra gli Stati Uniti e l'Europa.

Si è avvolto nella bandiera degli Stati Uniti e ha giocato sull'incertezza in Kosovo, sulla sua non appartenenza a organizzazioni internazionali e sul dialogo in stallo con la Serbia per estorcere ancora più potere per l'attuale amministrazione americana.

Allo stesso tempo, ha convinto i kosovari che era molto più saggio puntare su di lui che sugli europei che non volevano nemmeno dar loro i visti, e ha approfittato di ciò che Michael Polt, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Serbia e Montenegro e poi in Serbia, chiama una tendenza europea a non "appoggiarsi alla sella quando si prendono decisioni".

La leadership politica del Kosovo è stata esortata a guardare agli Stati Uniti, poiché Grenell, con l'aiuto di Thaçi, ha cercato di mettere da parte gli europei, tradizionalmente stretti alleati della regione.

Dalla guerra del 1998-99, la forza politica degli Stati Uniti unita al potere economico europeo ha contribuito a mandare avanti il Kosovo, ma gli americani versano molto meno in aiuti al Kosovo rispetto all'UE. Come recita il detto comune nei circoli diplomatici: "Gli Stati Uniti agiscono e gli europei pagano".

L'ufficio dell'UE in Kosovo ha dichiarato a K2.0 che, insieme al sostegno finanziario bilaterale degli Stati membri dell'UE, l'assistenza finanziaria dell'UE ha raggiunto circa 194 milioni di euro nel 2019. Quest'anno è stato allocato un sostegno aggiuntivo per sostenere gli sforzi per combattere la pandemia, ad oggi circa 60 milioni di euro.

Nel frattempo, secondo i dati ufficiali, gli Usa hanno speso 47 milioni di dollari (39 milioni di euro) in aiuti esteri al Kosovo nel 2019, e ad oggi nel 2020 hanno speso circa 42 milioni di dollari (35 milioni di euro).

L'amministrazione Trump aveva proposto di dimezzare il budget per il Kosovo per il 2020: Palmer ha dichiarato alla Commissione per le relazioni estere del Senato che i continui tagli ai bilanci statunitensi in Kosovo e nella regione non erano visti come un problema dai leader locali.

Nella sua testimonianza, Palmer ha detto che i leader balcanici vogliono “tempo e attenzione”, ad esempio avere un inviato presidenziale speciale. Il suo interlocutore, il senatore Chris Murphy, ha osservato che quando aveva visitato la regione aveva sentito lamentele sulla mancanza di fondi da parte del personale dell'ambasciata che riteneva che ciò inficiasse l'influenza degli Stati Uniti nella regione.

Processi paralleli

Una volta installato un docile governo targato LDK guidato da Hoti all'inizio di giugno (dopo che una decisione altamente controversa della Corte costituzionale aveva stabilito che non fossero necessarie nuove elezioni) e immediatamente abbandonate le misure commerciali reciproche con la Serbia, il denaro americano ha ripreso a fluire quando l'MCC ha annunciato la ripresa dei suoi programmi di finanziamento.

Due settimane dopo, il 15 giugno, Grenell ha annunciato che avrebbe invitato Thaçi e Vučić alla Casa Bianca alla fine del mese per firmare un accordo di natura economica. Se l'accordo non fosse stato firmato, ha detto, "entrambi i paesi sarebbero tornati allo status quo".

All'UE, nel frattempo, erano lasciate le questioni politiche.

L'ambasciatore Polt afferma che tentare di separare le questioni economiche da quelle politiche nei negoziati è come riparare la ruota posteriore sinistra di un'auto e non riparare lo sterzo e la trasmissione. La prima cosa che il dialogo deve fare è ottenere "riconoscimento reciproco, nessun cambiamento territoriale e istituzioni finalmente democratiche", ha detto Polt a K2.0.

Curiosamente, la data scelta per l'annunciato incontro alla Casa Bianca (il 27 giugno) era la vigilia di Vidovdan, noto come la data in cui Slobodan Milošević pronunciò il suo famigerato discorso di Gazimestan nel 1989, che preannunciava lo spargimento di sangue che sarebbe seguito allo scioglimento della Jugoslavia.

La carriera di Grenell è costellata da tali errori, indicanti mancanza di conoscenza storica, consapevolezza o persino metodi diplomatici. La sua risposta è solitamente che il sistema o la politica non funzionano e serve un approccio nuovo come il suo.

L'annuncio della riunione alla Casa Bianca è arrivato alla vigilia della prima visita ufficiale del Rappresentante speciale dell'UE Miroslav Lajcak a Pristina, nel tentativo di riavviare il dialogo guidato dall'UE che era in sospeso da oltre 18 mesi. All'epoca (16 giugno) il portavoce di Lajcak disse a K2.0 che non avrebbe commentato le attività altrui, ma che Lajcak intendeva presentare date concrete per la "rapida ripresa" del dialogo.

"Il dialogo facilitato dall'UE è stato un processo che ha prodotto risultati molto concreti per le persone in Kosovo sin dagli inizi", ha detto.

Grenell ha continuato a usare i social come arma diplomatica, twittando ai critici che avevano notato la sua mancanza di coordinamento con l'UE: “Accogliamo con favore ogni azione, nessuna chiacchiera. Perché non twittate all'UE e chiedete perché non c'è stata alcuna liberalizzazione dei visti per i kosovari?".

Con l'avvicinarsi dell'incontro programmato del 27 giugno e pochi dettagli sull'agenda, proseguivano intanto le speculazioni all'interno della regione su un potenziale scambio di territori tra Kosovo e Serbia, a lungo vociferato e controverso. Grenell ha più volte negato irremovibilmente di essere mai stato coinvolto in tali discussioni.

Eppure, persistevano anche le preoccupazioni più generali che l'accordo della Casa Bianca fosse mirato a procurare a Trump un successo di politica estera da promuovere, indipendentemente dai contenuti.

"Penso che sia davvero triste, la regione merita qualcosa di più di una semplice opportunità fotografica alla Casa Bianca, e di queste strumentalizzazioni", ha dichiarato l'europarlamentare Viola von Cramon a K2.0 a giugno, prima della riunione a Washington.

Poi, un evento che non poteva essere previsto. Il 24 giugno, mentre Hashim Thaçi era in volo verso la capitale degli Stati Uniti, l'ufficio del procuratore speciale per il Kosovo all'Aia ha annunciato di aver presentato una serie di accuse per crimini di guerra contro di lui e altri, tra cui l'omicidio di quasi 100 persone. L'incontro programmato è stato rapidamente rinviato.

"Questo accordo non è per voi"

All'inizio di settembre Grenell ha finalmente avuto il suo incontro Kosovo-Serbia alla Casa Bianca.

L'amministrazione Trump l'ha accolto come una svolta "veramente storica" nella normalizzazione economica ​​e il culmine del lavoro di Grenell. Ne sono usciti due documenti separati, uno firmato da Vučić e l'altro dal sostituto di Thaçi nei colloqui, il premier Hoti. Trump in persona ha firmato un altro pezzo di carta che accompagnava ogni documento.

Nella conferenza stampa alla Casa Bianca dopo la cerimonia della firma, Grenell ha faticato a spiegare esattamente ciò che era stato firmato e ad un certo punto ha aggredito i giornalisti, accusandoli di non essere in grado di capire la questione. Impegnato ad auto-celebrarsi, ha caratterizzato la guerra Kosovo-Serbia oscillando da "una guerra terribile" ad un "conflitto percepito".

In un'intervista pochi giorni dopo l'incontro, Grenell sembrava prendere in giro entrambi i paesi, facendo passare il disaccordo sul controllo dell'importante risorsa idrica del lago Ujmani/ Gazivoda nel nord del Kosovo per una semplice "guerra di parole". "Scherzando, ho detto: sapete cosa, se non riuscite a mettervi d'accordo sul nome, lo chiameremo semplicemente 'Lago Trump'", ha riferito di aver detto ai leader balcanici.

Gli stessi documenti si presentavano come un guazzabuglio di argomenti trattati, molti dei quali apparentemente scollegati dalla normalizzazione economica, nonostante la Casa Bianca assicurasse che i colloqui fossero "focalizzati esclusivamente sulla normalizzazione economica, nel tentativo di spingere le parti a mettere da parte le questioni politiche al fine di creare slancio intorno a quelle economiche".

"Quando ci incontreremo andremo a promuovere quei tre accordi [sulle infrastrutture] e poi aggiungeremo una serie di questioni a favore di commercio, sviluppo economico e posti di lavoro", aveva detto un consulente senior del presidente ai giornalisti il ​​primo settembre.

Invece i documenti firmati sembravano avere più a che fare con interessi esterni alle parti, dalla designazione di Hezbollah come organizzazione terroristica alla restituzione di proprietà ebraiche. È stata inclusa anche la causa personalmente sostenuta da Grenell per la depenalizzazione dell'omosessualità a livello mondiale.

Gli analisti hanno subito sottolineato che, nonostante l'auto-acclamazione di Grenell e del resto dell'amministrazione Trump, c'era poco di nuovo o significativo per entrambi i paesi, in particolare data la mancanza di dettagli significativi.

La volontà di "provare a fare qualcosa di diverso e creativo" ha portato Israele ad accettare di riconoscere il Kosovo. Ma solo pochi giorni dopo la firma, proprio quel punto sembra aver fatto naufragare l'intero accordo dopo che il governo serbo ha riferito che non avrebbe spostato la sua ambasciata a Gerusalemme (come promesso) se Israele avesse portato avanti il riconoscimento.

L'UE ha anche ricordato alla Serbia che trasferire la sua ambasciata a Gerusalemme viola la politica estera dell'UE e bloccherebbe il percorso della Serbia verso l'adesione.

Nonostante le critiche e lo scherno, Grenell è sempre all'attacco. Quando Albin Kurti ha twittato che i testi erano "incoerenti e opachi" e che qualsiasi suo futuro governo non vi sarebbe stato vincolato, Grenell ha risposto: "Una cosa è certa, si può sempre contare su Albin Kurti per andare contro gli Stati Uniti".

Il lavoro di Grenell è emblematico di quella che è la politica estera dell'amministrazione Trump nei Balcani (e in Europa) in questo momento.

Laura Autton-Wise, ricercatrice associata presso l'Edinburgh Law School nel Regno Unito, specializzata in peacebuilding e accordi di pace, spiega che l'aspetto visivo delle cerimonie di firma degli accordi di pace presenta solitamente le parti in conflitto come partner centrali e alla pari degli impegni che stanno reciprocamente assumendo; anche i mediatori di più alto profilo sono posizionati alle spalle o a lato di un momento così significativo.

A Washington, invece, tutto il palcoscenico dell'accordo Kosovo-Serbia era incentrato su un solo uomo: Donald Trump.

“I banchi per Vučić e Hoti più in basso, a entrambi i lati di Trump; loro seduti davanti alla sua scrivania come bambini a scuola che vengono puniti; lui che firma un foglio sconosciuto e non divulgato mentre loro firmano le loro copie dell'accordo; la presenza quasi esclusivamente maschile", nota Autton-Wise.

"La performance complessiva invia un messaggio al popolo del Kosovo e della Serbia che rispecchia il contenuto dell'accordo: 'Questo accordo non è per voi'".

Grenell continua a promuovere la sua "storica" ​​storia di successo nei Balcani. Tuttavia, molto tempo dopo che lui sarà passato alla sua prossima avventura, il suo impatto sulla regione continuerà a farsi sentire, e non necessariamente in positivo.

Fonte originale: https://www.balcanicaucaso.org/aree/Kosovo/Richard-Grenell-il-distruttore-creativo-205466
Martedì, 13 Ottobre 2020

Autore:

Bronwyn Jones

OBC Transeuropa

Notizie