Progetti


 

MAKANI, il mio posto. Sviluppo economico, lavoro dignitoso e inclusione sociale a Tripoli (Libano)

L’iniziativa per contribuire alla crescita economica inclusiva e sostenibile del nord del Libano e promuovere soluzioni economiche innovative che vedono l’imprenditoria come motore di sviluppo inclusivo e sostenibile. Destinatari 150 giovani e donne vulnerabili di Tripoli. L’u.o. CSG, in collaborazione con il partner di progetto Industrio Venture e in relazione con due partner locali di Tripoli (TEC e SHIFT), si occuperà di creare nuove opportunità inclusive di impiego e istituire collegamenti fra 20 aziende italiane e libanesi per promuovere lo sviluppo reciproco e l’espansione dei mercati.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/01/2020
Data fine
31/12/2022
Cofinanziato da
AICS; Industrio
Unità operativa
Competenze per la Società Globale

Rijeka in Flux: Borders and Urban Change after World War II

Nave nel porto di Rijeka  (©) Shutterstock

Questo progetto di ricerca e divulgazione storica indaga gli effetti sulla città di Fiume dello spostamento del confine tra Jugoslavia e Italia dopo la Seconda Guerra mondiale. Gli studiosi del team di cui CCI/OBCT fa parte condivideranno i risultati del proprio lavoro sia attraverso i tradizionali canali accademici, sia utilizzando la mappa interattiva online dedicata a Fiume, pensata anche come uno strumento di crowdsourcing aperto a tutti i ricercatori, testimoni e cittadini che desiderino condividere le proprie conoscenze sulla città. Verrà inoltre realizzata una app mobile volta a rendere disponibile ai cittadini e ai visitatori di Fiume i risultati della ricerca in concomitanza con Fiume – capitale europea della cultura 2020

Stato progetto
Open
Data inizio
02/12/2019
Data fine
15/03/2021
Cofinanziato da
Uni British Columbia
Unità operativa
OBC Transeuropa

TRAPOCO-Transnational Political Contention in Europe

manifestazione di piazza giovanile

Coordinato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, TraPoCO indaga il ruolo di attori sociali come movimenti, organizzazioni non governative, attivisti, sindacati, etc. nell’ampliare lo spazio dei diritti e della democrazia in Europa, studiando le diverse forme di azione collettiva da questi impiegate per promuovere le loro istanze ed esercitare pressione sui governi nazionali e sulle istituzioni europee. Nell’arco di 3 anni, un consorzio internazionale di università, centri studi e ONG svilupperà un programma di ricerca congiunto, arricchirà l’offerta didattica delle università partner, stimolerà il dialogo tra accademia e società con seminari, una summer school internazionale e diversi incontri con decisori politici nazionali ed europei.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/09/2020
Data fine
31/08/2023
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

PANELFIT - Participatory Approaches to a New Ethical and Legal Framework for ICT

Logo progetto Panelfit

Le innovazioni tecniche legate allo sfruttamento dei big data e le nuove norme come la GDPR stanno mutando radicalmente gli scenari nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), nell’Unione europea e non solo. PANELFIT è un network europeo di 13 organizzazioni attive in diversi settori – dalla consulenza tecnologica alla ricerca, dalla protezione dei dati all’etica della ricerca, dalla citizens science al giornalismo – che collabora affinché le opportunità tecnologiche di questi processi possano essere sfruttate senza compromettere la sicurezza e i diritti fondamentali dei cittadini.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/11/2018
Data fine
31/10/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

MFRR - A Europe-wide rapid response mechanism for violation of press and media freedom

Media Freedom Rapid Response

Il progetto intende sviluppare un sistema rapido e coordinato di risposte per far fronte al recente deterioramento della libertà di stampa nell'UE e nei Paesi candidati. A partire dal monitoraggio delle violazioni della libertà dei media, si attiveranno una serie di strumenti per fornire un supporto pratico ai giornalisti sotto attacco, si realizzeranno missioni e campagne di sensibilizzazione per promuovere il dibattito pubblico transnazionale su questioni chiave per la democrazia europea. In qualità di partner del consorzio, OBCT continuerà la curatela del Resource Centre on Media Freedom; parteciperà a missioni di advocacy; coordinerà insieme a QCode l’avvio di un programma di residenza per giornalisti a Milano.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/03/2020
Data fine
31/03/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

EDJNet - European Data Journalism Network

grafica del progetto EDJNET

EDJNet-Phase 2 prosegue il lavoro dello European Data Journalism Network, una rete di media europei coordinata da OBC Transeuropa il cui obiettivo è stimolare una migliore copertura degli affari europei e la crescita della sfera pubblica europea. Consolidando i risultati raggiunti nella prima edizione, il progetto promuove le pratiche di giornalismo collaborativo e l’adozione di una prospettiva paneuropea attraverso la creazione di dataset originali; la sperimentazione di formati innovativi pensati per i social media; lo sviluppo di inchieste europee con una forte prospettiva locale; il contrasto alla disinformazione e l’alfabetizzazione ai dati; un helpdesk su misura delle redazioni.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/03/2019
Data fine
30/04/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

ESVEI - Exploring Systemic Vulnerabilities for External Influence in Italy

ESVEI si propone di affrontare questioni strutturali che da qualche anno aumentano la vulnerabilità dei processi democratici alle interferenze esterne, prendendo l'Italia come caso di studio. Il progetto mira ad aumentare la consapevolezza, ad avviare dibattiti di policy e fornire raccomandazioni in tre settori che sono fondamentali per i processi democratici nelle società moderne, ma che, a causa di regolamenti e pratiche inadeguate, espongono inutilmente tali processi ad intromissioni: social media e disinformazione; trasparenza dei finanziamenti e lobbying; cybersecurity.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/10/2018
Data fine
31/12/2020
Cofinanziato da
OSIFE
Unità operativa
OBC Transeuropa

Le comunità italiane nei Balcani: storia recente e nuove traiettorie

Cartello stradale bilingue, in Croazia (©) Shutterstock

Progetto di ricerca con l’obiettivo di esplorare la storia recente e l’attuale status delle comunità di minoranze storiche italiane che vivono nell’Europa sudorientale, approfondendo contestualmente le potenzialità delle politiche estere dell’italia in qualità di “nazione madre” (kin state) di tali minoranze e di attore politico di strategica rilevanza in quest’area. Cofinanziato dal MAECI (ex art. 23-bis) e condotto da OBCT in collaborazione con il Dipartimento di Storia dell’Università di Fiume/Rijeka, da Eurac Research e dalla Fondazione Museo storico del Trentino (FMST)

Stato progetto
Open
Data inizio
01/11/2020
Data fine
30/06/2021
Cofinanziato da
MAECI
Unità operativa
OBC Transeuropa

La prospettiva bilaterale tra Italia e Balcani Occidentali: evoluzione e raccomandazioni per il rilancio

Mappa Italia e Balcani occidentali

Progetto di ricerca con l’obiettivo di analizzare lo stato dei rapporti bilaterali tra Italia e un gruppo selezionato di paesi dei Balcani Occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Serbia) al fine di mettere in evidenza il bagaglio acquisito e le potenzialità future per una cooperazione rinnovata nel quadro del progetto europeo. Funge da supporto all’elaborazione di politiche anche in chiave comparativa tra i diversi paesi oggetto di indagine. Cofinanziato dal MAECI (ex art. 23-bis) e condotto da OBCT in collaborazione con Centro Studi di Politica Internazionale (CeSPI).

Stato progetto
Closed
Data inizio
01/11/2019
Data fine
31/03/2020
Cofinanziato da
MAECI
Unità operativa
OBC Transeuropa

Winning the Narrative. Riprendersi gli spazi, costruire nuove narrazioni.

mezzi di comunicazione

Progetto focalizzato sulla riduzione degli spazi d'azione della società civile con un approccio incentrato sulla costruzione di nuove narrazioni della solidarietà e dell’accoglienza. In Italia, le organizzazioni umanitarie impegnate nei soccorsi nel Mediterraneo e le ONG attive nel settore dell’accoglienza sono state oggetto di campagne diffamatorie che le hanno screditate e criminalizzate agli occhi dell’opinione pubblica, che continua spesso peraltro a nutrire sentimenti di empatia, compassione e solidarietà verso gli stranieri. Il progetto mira a restituire alla società un immaginario inclusivo e rispettoso dell’Altro e della solidarietà.

Stato progetto
Open
Data inizio
01/01/2019
Data fine
31/10/2021
Cofinanziato da
CIVITATES
Unità operativa
OBC Transeuropa