I progetti del Centro per la Cooperazione Internazionale

17 results

TRAPOCO-Transnational Political Contention in Europe

manifestazione di piazza giovanile

Coordinato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, TraPoCO indaga il ruolo di attori sociali come movimenti, organizzazioni non governative, attivisti, sindacati, etc. nell’ampliare lo spazio dei diritti e della democrazia in Europa, studiando le diverse forme di azione collettiva da questi impiegate per promuovere le loro istanze ed esercitare pressione sui governi nazionali e sulle istituzioni europee. Nell’arco di 3 anni, un consorzio internazionale di università, centri studi e ONG svilupperà un programma di ricerca congiunto, arricchirà l’offerta didattica delle università partner, stimolerà il dialogo tra accademia e società con seminari, una summer school internazionale e diversi incontri con decisori politici nazionali ed europei.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/09/2020
Data fine
31/08/2023
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

Winning the Narrative. Riprendersi gli spazi, costruire nuove narrazioni.

mezzi di comunicazione

Progetto focalizzato sulla riduzione degli spazi d'azione della società civile con un approccio incentrato sulla costruzione di nuove narrazioni della solidarietà e dell’accoglienza. In Italia, le organizzazioni umanitarie impegnate nei soccorsi nel Mediterraneo e le ONG attive nel settore dell’accoglienza sono state oggetto di campagne diffamatorie che le hanno screditate e criminalizzate agli occhi dell’opinione pubblica, che continua spesso peraltro a nutrire sentimenti di empatia, compassione e solidarietà verso gli stranieri. Il progetto mira a restituire alla società un immaginario inclusivo e rispettoso dell’Altro e della solidarietà.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/01/2019
Data fine
31/10/2021
Cofinanziato da
CIVITATES
Unità operativa
OBC Transeuropa

Le comunità italiane nei Balcani: storia recente e nuove traiettorie

Cartello stradale bilingue, in Croazia (©) Shutterstock

Progetto di ricerca con l’obiettivo di esplorare la storia recente e l’attuale status delle comunità di minoranze storiche italiane che vivono nell’Europa sudorientale, approfondendo contestualmente le potenzialità delle politiche estere dell’italia in qualità di “nazione madre” (kin state) di tali minoranze e di attore politico di strategica rilevanza in quest’area. Cofinanziato dal MAECI (ex art. 23-bis) e condotto da OBCT in collaborazione con il Dipartimento di Storia dell’Università di Fiume/Rijeka, da Eurac Research e dalla Fondazione Museo storico del Trentino (FMST)


Stato progetto
Open
Data inizio
01/11/2020
Data fine
30/06/2021
Cofinanziato da
MAECI
Unità operativa
OBC Transeuropa

Gli ultimi della Grande Guerra: memoria in rete

Colonna di prigionieri russi che trasportano materiale sul ghiacciaio dell'Ortles

Il progetto intende riportare alla luce una vicenda poco nota – quella dei prigionieri di guerra serbi e russi impiegati sul fronte alpino come manodopera coatta nel corso della Prima guerra mondiale – e coinvolgere gli studenti in un percorso attivo di apprendimento. Diverse attività vedranno protagonisti, in momenti e con ruoli diversi, le realtà proponenti: una ricerca storica sui prigionieri serbi e russi in Trentino durante la Grande Guerra; la realizzazione di una mostra fotografica al Museo della Guerra e di pannelli illustrativi a Forte delle Benne; la realizzazione di una “mappa interattiva” indicante la presenza e i luoghi di impiego dei prigionieri in Trentino; la pubblicazione di un articolo scientifico sugli “Annali” del Museo della Guerra; una serie di incontri e di attività con le scuole del territorio


Stato progetto
Open
Data inizio
15/09/2020
Data fine
30/06/2021
Cofinanziato da
Museo della Guerra
Unità operativa
OBC Transeuropa

Le guerre jugoslave degli anni Novanta. Rriscrittura di alcune voci Wikipedia sul conflitto in Bosnia Erzegovina

Lezione su Wikipedia

Gli studenti trentini diventano protagonisti della divulgazione sulle guerre jugoslave. Da gennaio ad aprile 2020 OBCT collabora con la Biblioteca della Fondazione Edmund Mach seguendo una classe dell’Istituto agrario di San Michele all'Adige (TN) nella scrittura di alcune voci di Wikipedia in lingua italiana su vari argomenti legati alle guerre jugoslave, con particolare attenzione al conflitto in Bosnia Erzegovina.
Nell'anno nell'anno scolastico 2020-21 la collaborazione sarà attivata con l'Istituto Martino Martini di Mezzolombardo.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/01/2020
Data fine
31/05/2021
Cofinanziato da
WMI Wikimedia Italia
Unità operativa
OBC Transeuropa

La rotta balcanica 5 anni dopo

profughi a Idomeni, Grecia

Il progetto intende esplorare gli aspetti principali della cosiddetta “rotta balcanica” approfondendo la situazione nei paesi più coinvolti dal transito di migranti e sulle frontiere maggiormente esposte (Turchia/Grecia; Turchia/Bulgaria, Bosnia Erzegovina/Croazia; Italia/Slovenia). La ricerca, condotta in partenariato da OBCT e CeSPI, affronterà in maniera multiprospettica le caratteristiche e l'evoluzione della “rotta balcanica”, per poi indagare la gestione della migrazione dei paesi presi in esame - dalla Turchia fino al confine italo-sloveno – e le ricadute di tali politiche sia a livello interno che nei rapporti internazionali, combinando analisi delle fonti già disponibili ed interviste qualitative a testimoni privilegiati.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/12/2020
Data fine
31/05/2021
Cofinanziato da
InCE
Unità operativa
OBC Transeuropa

EDJNet - European Data Journalism Network

grafica del progetto EDJNET

EDJNet-Phase 2 prosegue il lavoro dello European Data Journalism Network, una rete di media europei coordinata da OBC Transeuropa il cui obiettivo è stimolare una migliore copertura degli affari europei e la crescita della sfera pubblica europea. Consolidando i risultati raggiunti nella prima edizione, il progetto promuove le pratiche di giornalismo collaborativo e l’adozione di una prospettiva paneuropea attraverso la creazione di dataset originali; la sperimentazione di formati innovativi pensati per i social media; lo sviluppo di inchieste europee con una forte prospettiva locale; il contrasto alla disinformazione e l’alfabetizzazione ai dati; un helpdesk su misura delle redazioni.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/03/2019
Data fine
30/04/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

In Marcia con il Clima

Logo in marcia con il clima

Il progetto mira a fornire sostegno e risorse ai giovani che a partire dal 2018 hanno iniziato a far sentire la propria voce sulla lotta al cambiamento climatico e sulla salvaguardia del pianeta. Coordinato da Oxfam italia, al progetto aderisce il CCI attraverso l’unità operativa CSG, che si dedica principalmente alle attività educative, di sensibilizzazione e di dialogo strutturato tra giovani e autorità locali, e attraverso l’unità operativa OBCT, che contribuisce alle attività di advocacy e divulgazione producendo visualizzazioni di dati, infografiche e contenuti giornalistici di qualità che raccontano il fenomeno nei vari territori coinvolti nel progetto.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/05/2019
Data fine
31/03/2021
Cofinanziato da
Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo
Unità operativa
OBCT + CSG

MFRR - A Europe-wide rapid response mechanism for violation of press and media freedom

Media Freedom Rapid Response

Il progetto intende sviluppare un sistema rapido e coordinato di risposte per far fronte al recente deterioramento della libertà di stampa nell'UE e nei Paesi candidati. A partire dal monitoraggio delle violazioni della libertà dei media, si attiveranno una serie di strumenti per fornire un supporto pratico ai giornalisti sotto attacco, si realizzeranno missioni e campagne di sensibilizzazione per promuovere il dibattito pubblico transnazionale su questioni chiave per la democrazia europea. In qualità di partner del consorzio, OBCT continuerà la curatela del Resource Centre on Media Freedom; parteciperà a missioni di advocacy; coordinerà insieme a QCode l’avvio di un programma di residenza per giornalisti a Milano.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/03/2020
Data fine
31/03/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

EU Strategy for the Adriatic and Ionian Region (EUSAIR) facilitating the Enlargement process of the Western Balkans

mappa paesi Eusair

Lo studio commissionato dalla DG Regional und Urban Policy a OBCT e Cespi ha l'obiettivo di esplorare i punti complementari ed identificare possibili sinergie tra la Strategia UE per la Regione Adriatico Ionica (EUSAIR) e il processo di allargamento dell’Unione Europea nei paesi dei Balcani Occidentali che partecipano alla Macroregione.


Stato progetto
Open
Data inizio
17/11/2020
Data fine
31/03/2021
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

Rijeka in Flux: Borders and Urban Change after World War II

Nave nel porto di Rijeka  (©) Shutterstock

Questo progetto di ricerca e divulgazione storica indaga gli effetti sulla città di Fiume dello spostamento del confine tra Jugoslavia e Italia dopo la Seconda Guerra mondiale. Gli studiosi del team di cui CCI/OBCT fa parte condivideranno i risultati del proprio lavoro sia attraverso i tradizionali canali accademici, sia utilizzando la mappa interattiva online dedicata a Fiume, pensata anche come uno strumento di crowdsourcing aperto a tutti i ricercatori, testimoni e cittadini che desiderino condividere le proprie conoscenze sulla città. Verrà inoltre realizzata una app mobile volta a rendere disponibile ai cittadini e ai visitatori di Fiume i risultati della ricerca in concomitanza con Fiume – capitale europea della cultura 2020


Stato progetto
Open
Data inizio
02/12/2019
Data fine
15/03/2021
Cofinanziato da
Uni British Columbia
Unità operativa
OBC Transeuropa

ESVEI - Exploring Systemic Vulnerabilities for External Influence in Italy

ESVEI si propone di affrontare questioni strutturali che da qualche anno aumentano la vulnerabilità dei processi democratici alle interferenze esterne, prendendo l'Italia come caso di studio. Il progetto mira ad aumentare la consapevolezza, ad avviare dibattiti di policy e fornire raccomandazioni in tre settori che sono fondamentali per i processi democratici nelle società moderne, ma che, a causa di regolamenti e pratiche inadeguate, espongono inutilmente tali processi ad intromissioni: social media e disinformazione; trasparenza dei finanziamenti e lobbying; cybersecurity.


Stato progetto
Open
Data inizio
01/10/2018
Data fine
31/12/2020
Cofinanziato da
OSIFE
Unità operativa
OBC Transeuropa

Analysis of the territorial challenges, needs and potentials of the Adriatic-Ionian Region and strategic options for post-2020 ADRION programme

Mappa dei paesi appartenenti al Programma Interreg ADRION

L’incarico di ricerca affidato dalla Regione Emilia-Romagna a Soges in partenariato con OBC Transeuropa prevede la realizzazione di un’analisi territoriale sugli sviluppi socio-economici e sui bisogni territoriali dell’area interessata dal programma di cooperazione territoriale europea ADRION (Adriatico-Ionica). L’analisi servirà alla Regione Emilia Romagna, Autorità di Gestione di ADRION, per preparare il programma di cooperazione Interreg 2021-2127. I principali temi trattati si rifanno agli obiettivi di policy europei: A smarter Europe; A greener and low carbon Europe; More connected Europe; More social Europe; A Europe closer to citizens.


Stato progetto
Closed
Data inizio
20/01/2020
Data fine
30/04/2020
Cofinanziato da
ART-ER
Unità operativa
OBC Transeuropa

La prospettiva bilaterale tra Italia e Balcani Occidentali: evoluzione e raccomandazioni per il rilancio

Mappa Italia e Balcani occidentali

Progetto di ricerca con l’obiettivo di analizzare lo stato dei rapporti bilaterali tra Italia e un gruppo selezionato di paesi dei Balcani Occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Serbia) al fine di mettere in evidenza il bagaglio acquisito e le potenzialità future per una cooperazione rinnovata nel quadro del progetto europeo. Funge da supporto all’elaborazione di politiche anche in chiave comparativa tra i diversi paesi oggetto di indagine. Cofinanziato dal MAECI (ex art. 23-bis) e condotto da OBCT in collaborazione con Centro Studi di Politica Internazionale (CeSPI).


Stato progetto
Closed
Data inizio
01/11/2019
Data fine
31/03/2020
Cofinanziato da
MAECI
Unità operativa
OBC Transeuropa

#NeverAgain: Teaching Transmission of Trauma and Remembrance through Experiential Learning

Prigionieri russi a La Villa in Val Badia (fonte: Kriegsarchiv Wien)

Coordinato dal Centro SELMA dell’Università di Turku, il progetto ha riflettuto sugli aspetti più complessi e bui della storia europea sperimentando nuovi metodi in un’ottica di apprendimento esperienziale. OBCT si è occupata di un tema legato al nostro territorio, ma trascurato i prigionieri russi e serbi costretti al lavoro forzato durante la Prima guerra mondiale - con: un incontro aperto alla cittadinanza al Castello di Castellano (Villa Lagarina), luogo di detenzione durante la Grande guerra; un laboratorio su Wikipedia con gli studenti dell’Istituto di Istruzione Lorenzo Guetti di Tione; una presentazione all’interno della conferenza finale del progetto all’Università di Turku; la stesura di un capitolo di un volume dedicato al progetto.


Stato progetto
Closed
Data inizio
01/01/2018
Data fine
31/12/2019
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa

La presidenza italiana dell’OSCE 2018: sfide e opportunità in aree prioritarie

Transnistria, palazzo del governo

Obiettivo del progetto congiunto OBCT/CeSPI è fornire una conoscenza aggiornata e approfondita di alcune delle aree in cui l’OSCE opera direttamente, di particolare rilevanza per la Presidenza italiana. Il progetto si concentrerà in particolare su due regioni: le aree di conflitto protratto (Transnistria, Abkhazia, Ossezia del Sud, e Nagorno-Karabakh) e i Balcani occidentali. Il progetto è finanziato dal ministero Affari Esteri.


Stato progetto
Closed
Data inizio
01/06/2018
Data fine
30/03/2019
Cofinanziato da
MAECI
Unità operativa
OBC Transeuropa

La Strategia dell’Unione Europea per la regione adriatico-ionica: le fatiche della costruzione di un processo

Mappa paesi EUSAIR

La Strategia dell’Unione Europea per la regione adriatico-ionica: le fatiche della costruzione di un processo. Nell'ottobre 2014 è stata lanciata EUSAIR, la Strategia macroregionale dell'Unione Europea per l'area adriatico-ionica. OBC e CeSPI, ad un anno dal lancio della Strategia, hanno analizzato i primi passi, le sfide e le opportunità di questo nuovo strumento di governance multi-livello.


Stato progetto
Closed
Data inizio
01/01/2015
Data fine
31/12/2015
Cofinanziato da
UE
Unità operativa
OBC Transeuropa