Libertà di informazione

NEWSOCRACY

12/12/2019

Proteggere i media di servizio pubblico dalle interferenze politiche

Europa in 3Dì

18/05/2019

Niccolò Caranti, di OBC Transeuropa/CCI, tiene un laboratorio sulla disinformazione all'interno dell'evento Europa in 3Dì, organizzato da Il Sogno Aps.

Disinformazione online: cos’è? come se ne parla? come difendersi?

13/10/2018

Nell'ambito del Festival Informatici senza Frontiere, un incontro dibattito sul tema della disinformazione online

L'eco dell'Europa

13/10/2018

Un ciclo di incontri aperti ai docenti e alla cittadinanza per approfondire lo stato di salute del giornalismo in Europa ai tempi del populismo e della post-verità.

Libertà di stampa e pluralismo dei media in Europa

08/06/2018

Chiara Sighele, direttrice area progetti OBCT / CCI, modera il dialogo tra il MEP Curzio Maltese i giornalisti e altri portatori di interesse; si parlerà della Risoluzione recentemente approvata dal PE su pluralismo e libertà dei media nell'UE e delle politiche in esame su questo tema presso le istituzioni europee

Ultime notizie dall’Est Europa

11/05/2018

Marzia Bona, ricercatrice di OBCT / CCI, interviene al Festival "Vicino/lontano – Premio Terzani", rassegna itinerante di incontri ed eventi

Proiezione del film Killing Pavel

03/05/2018

In occasione della Giornata Internazionale per la libertà di stampa e all'interno della rassegna cinematografica "Sopra solo le stelle" proiezione del documentario "Killing Pavel" (Ucraina, 2017), prodotto dall'Organized Crime and Corruption Reporting Project in collaborazione con l'ucraina Slidstvo.Info.

#Newsocracy III - Media Ownership Concentration in Spain and Europe

30/01/2018

OBCT/CCI interviene, moderando un panel, alla conferenza sulla concentrazione della proprietà dei media in Europa

Turchia, la tenacia degli Accademici per la pace

23/04/2018 -  Fazıla Mat

Centinaia di docenti universitari in Turchia si trovano sotto processo, sono stati espulsi o licenziati per aver firmato una dichiarazione a favore della pace. Le pressioni subite li hanno portati a sviluppare nuove forme di resistenza e di solidarietà